rotate-mobile
Politica Caramanico terme

A Caramanico Terme oltre 200 "post it" dei cittadini per il progetto di rilancio del borgo

Il sindaco di Caramanico Terme ha chiamato la popolazione in assemblea per presentare l’azione di squadra che punterà a rilanciare l'economia e la vita sociale del borgo

Un progetto condiviso anche con i cittadini, per il rilancio del borgo di Caramanico Terme. Il sindaco del paese, Luigi De Acetis, ha deciso di presentare alla popolazione con un'assemblea pubblica il 20 febbraio scorso, l'azione di squadra con proposte qualificanti, intelligenti e progressiste per far risorgere il borgo. Un piano concertato, dunque, che si basa sul bando regionale e ha selezionato, con una procedura ad evidenza pubblica, un partenariato privato altamente qualificato, composto da 45 tra imprese, fondazioni, organizzazioni di volontariato e imprese del terzo settore che stanno contribuendo alle stesura del piano di sviluppo. Il totale degli investimenti a disposizione ammonta a 20 milioni di euro.

Durante l'incontro il sindaco ha raccontato di come Caramanico con la sua amministrazione, le associazioni, gli enti e i cittadini, si stanno adoperando per sanare una crisi che ha portato una emorragia di residenti oltre ad un grave scompenso nelle casse di cittadini e imprese stoicamente rimaste nel paese, ma che può diventare un’opportunità di crescita per molti. Un grande cartellone bianco tutto da colorare con dei post-it messi a disposizione della popolazione che fino a tarda sera ha potuto scrivere proposte, idee, problemi da utilizzare come spunto per l’integrazione al progetto. Presenti anche tecnici e professionisti in innovazione, marketing, sviluppo territoriale, hi-tech, risorse energetiche, edilizia, stampa, tv, eventi, comunicazione, collegamenti, logistica. Oltre 200 i post it lasciati dai cittadini.

"L’auspicio è che il progetto del comune di Caramanico Terme venga scelto per le sue caratteristiche e per l’efficienza che porta in sé, caratterizzata dall’azione sinergica di più forze, il gioco di squadra sempre vincente e la grande competenza dei partner. La certezza è che il progetto, che concorre per accaparrarsi i 20 milioni di euro stanziati dal Pnrr,  se non dovesse essere scelto sarà una preziosa fonte alla quale attingere, un’opera che resterà nel tempo che sia da stimolo per aprire nuove frontiere."

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Caramanico Terme oltre 200 "post it" dei cittadini per il progetto di rilancio del borgo

IlPescara è in caricamento