rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica Rancitelli

Blasioli visita il 33enne ferito a Rancitelli: "A breve incontro per definire azioni integrate"

Il vicesindaco ha portato conforto al nigeriano ferito durante la rissa in via Lago di Capestrano: “A giorni riuniremo le associazioni, il comparto sociale e tutti i soggetti per pensare ad azioni integrate nel quartiere”

Il vicesindaco Antonio Blasioli, con i consiglieri Emilio Longhi e Tiziana Di Giampietro, è stato in Neurochirurgia a trovare il 33enne nigeriamo ferito gravemente durante la rissa divampata in via Lago di Capestrano domenica sera.

Le sue condizioni migliorano giorno dopo giorno: dopo il ricovero in Rianimazione è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico dallo staff del reparto e ieri è uscito dalla terapia intensiva. Se il quadro sarà stazionario, fra pochi giorni potrà essere dimesso.

“La lesione avuta è stata importante, ma abbiamo voluto attendere l’uscita dalla terapia intensiva prima di andare a trovarlo per non creare intralcio e non affaticarlo - ha detto Blasioli - Lo abbiamo trovato ancora molto sconvolto dall’accaduto, ci ha raccontato di essere in città dal 2009 dove ha scelto di restare, sposandosi e mettendo su famiglia, ha tre figli. Ci ha anche riferito che vive nel quartiere dal 2015 e mai ha avuto problemi legati alla sua provenienza, né di altro genere. La visita è nata per confermare l’attenzione dell’Amministrazione alle sue condizioni e all’accaduto. Un’attenzione che non calerà: è nostra intenzione, come annunciato, convocare a breve le associazioni, le nostre assistenti sociali, tutti i soggetti che operano in zona per calibrare maggiori e ancora più incisive politiche di azione e intervento in quella e nelle altre periferie da sempre difficili della città, perché il controllo vada di pari passo con la prevenzione”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blasioli visita il 33enne ferito a Rancitelli: "A breve incontro per definire azioni integrate"

IlPescara è in caricamento