rotate-mobile
Politica

Abruzzo in Comune attacca la giunta Marsilio: "Il Ministero certifica la gestione fallimentare della sanità"

Sandro Mariani, capogruppo regionale di "Abruzzo in Comune" interviene sulla questione del debito a carico della sanità regionale

Torna ad attaccare la giunta Marsilio Sandro Mariani, capogruppo alla Regione di "Abruzzo in Comune", in merito alla questione della sanità pubblica abruzzese. Mariani fa riferimento al tavolo ministeriale che ha certificato un debito di 130 milioni di euro parlando di una sonora bocciatura per l'esecutivo regionale di centrodestra, e ricordando che già a luglio era stato lanciato l'allarme sulla difficoltà della Asl regionali a causa dei bilanci in rosso.

“Difficoltà che, solo in parte, sono giustificabili con la crisi causata dalla pandemia come invece hanno cercato di far passare, goffamente, l'assessore alla sanità Nicoletta Verì e i direttori generali delle Asl che, in maniera quasi grottesca, hanno addirittura provato a far passare il messaggio che se non fosse stato per la pandemia i bilanci sarebbe stati perfino positivi”.

Il capogruppo ricorda che nella passata legislatura si sono chiesti sacrifici ai cittadini per uscire dal commissariamento e avviare un nuovo corso della sanità abruzzese, che però il centrodestra avrebbe dilapidato in tre anni perdendo quanto ti buono era stato fatto:

“Tre anni di “non scelte” della giunta Marsilio stanno vanificando dieci anni di sacrifici dei cittadini abruzzesi, riportando la sanità verso un nuovo scenario di commissariamento che imporrà probabilmente scelte difficili da comprendere e accettare per la cittadinanza: questa volta ci ricorderemo dei volti dei veri responsabili e non ci saranno scuse a fare da paravento alla loro irresponsabilità”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abruzzo in Comune attacca la giunta Marsilio: "Il Ministero certifica la gestione fallimentare della sanità"

IlPescara è in caricamento