menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Villa Raspa, scoperto grosso scarico inquinante nel fiume Pescara

La Guardia Costiera ha scoperto un grosso scarico diretto di acque nere che finiva nel fiume Pescara a Villa Raspa di Spoltore. Lo scarico causava un forte e pericoloso inquinamento delle acque

Nuova operazione della Capitaneria di Porto di Pescara per contrastare gli scarichi abusivi nel fiume Pescara. Dopo i sequestri dei depuratori comunali di Manoppello e Lettomanoppello, gli uomini della Capitaneria sono intervenuti a Villa Raspa di Spoltore dove è stato scoperto un grosso scarico abusivo diretto.

Durante un sorvolo dell'Elicottero Elicottero AW139 NEMO del 3° Nucleo Aereo della Guardia Costiera che attraverso un complesso sistema di rilievo ad infrarossi delle anomalie di temperature fra i reflui e l'acqua fluviale, ha notato la presenza di un punto critico non segnalato.

Sul posto sono arrivati per un sopralluogo gli uomini della Polizia Marittima, che hanno effettuato dei campionamenti che hanno mostrato valori di Escherichia Coli pari a 34.000.000 (trentaquattromilioni) UFC/100ml a fronte di un valore massimo consigliato non superiore a 5.000 UFC/100ml.

A quel punto è stata allertata l'Aca, competente per la condotta principale che scorre in quella zona, con i tecnici dell'ente che hanno lavorato su un pozzetto che, a causa di un intasamento, riversava le acque fognarie dierttamente nel fiume invece di convogliarle nel depuratore di via Raiale.

Lo sversamento aveva già causato allagamenti e smottamenti nel terreno circostante. I tecnici dell'azienda sono stati denunciati per getto pericoloso di cose ed inquinamento ambientale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento