Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Farindola

Valanga Hotel Rigopiano: si continua a scavare fra dolore ed accuse

Nonostante tutti i corpi dei 29 dispersi siano stati recuperati e trasportati in ospedale a Pescara, proseguono e proseguiranno le operazioni di scavo nei pressi dell'albergo. La sorella di una delle vittime accusa il Presidente Di Marco

Finite le speranze, rimangono i giorni del dolore e della ricerca della verità. A Rigopiano si continua a scavare nei pressi delle macerie dell'Hotel Rigopiano, nonostante tutte le 29 vittime siano state recuperate. Si scaverà non solo per bonificare il sito, ma anche e soprattutto per permettere agli inquirenti ed ai periti di acquisire tutte le informazioni possibili per ricostruire quanto accaduto quel maledetto 18 gennaio.

Intanto, non si placano ed anzi crescono le polemiche riguardanti le responsabilità sull'accaduto, soprattutto per la questione della mancata pulizia delle strade che ha impedito non solo agli ospiti di lasciare la struttura ma anche ai soccorsi di arrivare nel giro di poche ore sul posto.

La sorella di Sebastiano Di Carlo, una delle vittime, accusa direttamente il Presidente della Provincia Di Marco. Simona Di Carlo, consigliere comunale a Pescara, su Facebook ha parlato di gravi responsabilità da parte del presidente e dell'ente, a suo dire più volte avvisato di quanto stava accadendo a Rigopiano già nelle ore precedenti alla tragedia.

SABATO 28 GENNAIO LUTTO CITTADINO A PESCARA

carlomarco-2

SI INDAGA PER OMICIDIO COLPOSO E DISASTRO

I CUCCIOLI SALVATI DALLE MACERIE

PARLA UN SOPRAVVISSUTO

BIMBO E DONNA ESTRATTI VIVI: IL VIDEO

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valanga Hotel Rigopiano: si continua a scavare fra dolore ed accuse

IlPescara è in caricamento