Cronaca

Voli Pescara: nuove rotte da Ryanair per l'estate 2015

L'amministratore della compagnia low cost annuncia l'obiettivo di raddoppiare il mezzo milione di passeggeri entro il 2018, così da portare i posti di lavoro a 1.000. Ai sardi che protestano per la soppressione della rotta di Cagliari dice: "Forse tornerà nel 2016"

Camicia a quadri, pullover blu, Micheal O’Leary, amministratore delegato di RyanAir, arriva all’aeroporto d’Abruzzo per lanciare la programmazione estiva della compagnia low cost. Sette rotte in totale, che trasporteranno a Milano, Londra, Parigi, Barcellona, Bruxelles, Dusseldorf e Francoforte mezzo milione di passeggeri all’anno e sosterranno, secondo i dati stimati da una ricerca Aci, 500 posti di lavoro nello scalo di San Giovanni Teatino.

Il boss della più nota e longeva compagnia a basso costo del mondo, che quest’anno compie 30 anni dall’inizio della sua attività, è affiancato da Nicola Mattoscio, neo presidente della Saga, società che gestisce lo scalo, dal direttore dell’aeroporto Paolo Righi e dal sottosegretario alla presidenza della Regione Camillo D’Alessandro.

A metà fra la promozione e il bilancio, positivo, delle rotte che toccano l’aeroporto d’Abruzzo, O’Leary dichiara in conferenza stampa gli intenti della compagnia: “Raddoppiare, entro il 2018, il mezzo milione di passeggeri”. Nell’occasione, traccia il bilancio di una compagnia da 72 basi, che opera in 189 aeroporti in tutto il mondo, per oltre 1600 rotte e detiene il 25 per cento del mercato in Italia. Opera con una flotta di oltre 300 Boeing 737, e si rinnoverà entro breve di ulteriori 280 aeromobili.

La programmazione estiva prevede cinque collegamenti settimanali per Bruxelles Charleroi, due per Dusseldorf Weeze e quattro per Francoforte Hahn, con nuovi servizi come il Family Extra e il Business Plus. Inoltre, per celebrare il 30esimo anniversario dalla nascita di RyanAir, fino alla mezzanotte del 5 febbraio la compagnia mette a disposizione 100mila voli in vendita a 19 euro e 99 centesimi.

Per il futuro, in vista del potenziamento che RyanAir ha in mente per l’aeroporto d’Abruzzo, non è escluso che possa essere collegato alle nuove basi di Lisbona, Copenaghen e Colonia.  

Ad ascoltare la conferenza stampa c’era anche una delegazione dell’associazione dei sardi d’Abruzzo. Il direttore ha portato all’amministratore delegato della compagnia low cost le lamentele dei “tanti sardi che vivono in Abruzzo”, “gravemente danneggiati” dalla soppressione dei voli verso la Sardegna. O’Leary non ha fatto promesse, lasciandosi strappare solo l’annuncio che “da settembre 2015”, in vista del potenziamento dello scalo, “si potrà iniziare a parlare” del ripristino delle rotte di Cagliari e Alghero, che comunque, eventualmente, non torneranno prima del 2016.

La conferenza stampa di O’Leary è stata anche l’occasione, per il neo presidente della Saga Mattoscio, di dichiarare gli intenti della sua gestione. “La nuova governance di questo aeroporto assume solo ed esclusivamente come filosofia da adottare il punto di vista della gestione d’impresa. Qualsiasi decisione e strategia di governance sarà riferita solamente a logiche di mercato. Questa infrastruttura – aggiunge – è un elemento importantissimo per la regione, ed è giusto che le istituzioni diano l’importanza che merita”.

“È essenziale – prosegue – riflettere sulle opportunità di un aeroporto come il nostro, che deve condividere la sua sostenibilità, da indirizzare a principi gestionali orientati al mercato. Un aeroporto che deve nel contempo volgere lo sguardo anche ad altre opportunità aderenti al sistema economico della regione Abruzzo”.  

"Abbiamo registrato – ha illustrato Righi - oltre il 9% di crescita a novembre, il 12% a dicembre e il 17% a gennaio. Siamo gli unici, nel panel di aeroporti di riferimento, che consolidano il livello di traffico, mentre gli altri diminuiscono". Il direttore dello scalo ha annunciato che, entro Pasqua, lo scalo d’Abruzzo festeggerà il 4 milionesimo passeggero dall’inizio delle attività.  

 "Questa - ha detto D'Alessandro – è una regione che ha ambizioni e che vuole sposarsi con chiunque voglia crescere e investire in Abruzzo. Dietro l'angolo c'è il mondo che cresce e si evolve e Pescara e l'Abruzzo diventano sempre più destinazione. Noi, come Regione, ci impegniamo a fare questo. È esattamente questa la nostra ambizione: una regione che diventa destinazione e non solo punto di passaggio. Il raddoppio dei passeggeri - ha concluso - significa superare la condizione di rischio che incombe sui piccoli aeroporti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voli Pescara: nuove rotte da Ryanair per l'estate 2015

IlPescara è in caricamento