menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pescara, sindaco Alessandrini indagato per ordinanze divieti balneazione

Il primo cittadino pescarese è indagato dalla Procura nell'ambito dell'inchiesta riguardante i divieti di balneazione a fine luglio a seguito dello sversamento di liquami in mare. Indagato anche il vicesindaco

Il sindaco di Pescara Marco Alessandrini ed il vicesindaco Del Vecchio sono indagati dalla procura nell'ambito dell'inchiesta riguardante i divieti di balneazione di fine luglio ed inizio agosto, quando ci fu lo sversamento di liquami in mare.

Alessandrini ha fatto sapere di essersi presentato spontaneamente la scorsa settimana in Procura per chiarire tutti gli aspetti riguardanti la famosa ordinanza che sarebbe stata emanata in ritardo rispetto alla ricezione dei dati delle analisi dell'Arta, che indicavano valori fuori legge nelle acque marine cittadine.

"Tutto questo certo non mi piace, ma sono fiducioso di aver fornito ogni idoneo chiarimento e una leale collaborazione per una rapida definizione della vicenda. L'attivita' amministrativa significa scelte e significa anche dover fare i conti col fatto che sovente l'opposizione ti denuncia e questo mi ha dato l'opportunita' di presentarmi spontaneamente davanti ai magistrati che indagano in questa vicenda e l'ho fatto accompagnato dal mio legale naturalmente e questo ha determinato proceduralmente la mia iscrizione nel registro degli indagati." ha dichiarato il primo cittadino.

Indagato anche il dirigente comunale Vespasiano, già interrogato (si è avvalso della facoltà di non rispondere) assieme allo stesso vicesindaco Del Vecchio, che invece si è detto sereno dopo aver chiarito la sua posizione.

L'accusa per tutti è di omissione d'atti d'ufficio e falso ideologico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento