menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Continua la fuga di Michele Lambiase: potrebbe trovarsi ancora nel pescarese

Continua la caccia da parte delle Forze dell'Ordine a Michele Lambiase, l'uomo che sabato notte ha sparato all'ex convivente ed al suo attuale fidanzato. Secondo i Carabinieri potrebbe trovarsi ancora in zona, nascosto presso qualche amicizia locale

Continua la fuga di Michele Lambiase. Una fuga che, secondo i Carabinieri, sarebbe avvenuta nel territorio pescarese, fra Montesilvano e Silvi.

Qui, infatti, Lambiase avrebbe potuto trovare sostegno ed un aiuto da qualche conoscenza, che lo avrebbe aiutato a nascondersi. Le ricerche e perquisizioni fino ad ora, però, hanno avuto esito negativo.

Intanto è stata recuperata la parrucca bionda usata insieme ad un paio di occhiali per camuffarsi la notte della sparatoria.

Per quanto riguarda le vittime, le loro condizioni restano gravi, anche se entrambi non sarebbero in pericolo di vita. Ieri la donna è stata operata per la seconda volta. I medici parlano di un "miracolo" riguardo la sopravvivenza della donna. Il proiettile, infatti, non ha danneggiato alcuni organo vitale durante la sua traiettoria.

AGGIORNATO ALLE 11,30 DEL 10 NOVEMBRE 2009



I Carabinieri di Montesilvano  hanno diffuso, inviandola agli organi di stampa, la foto di Michele Lambiase, per agevolarne le ricerche. Ritengono che l'uomo sia ancora armato.

In caso di avvistamento - si legge nella nota dei Carabinieri - i cittadini sono invitati a chiamare il 112 per far intervenire i Carabinieri e arrestarlo.

Aggiornato alle ore 14.30 del 9 novembre

"Aiuto, ci hanno sparato". "E' stato Michele, il mio ex ci ha sparato".

Queste le drammatiche parole della coppia di fidanzati ferita gravemente sabato sera da Michele Lambiase, 43 anni di Foggia, che ha sparato alla sua ex convivente ed all'attuale compagno per vendetta. Le ultime parole prima di perdere i sensi.

Emergono i primi dettagli riguardanti il tragico episodio accaduto a Montesilvano, in via Verrotti. Dopo essere stato colpito all'addome da Lambiase, il fidanzato della donna è riuscito a guidare la propria auto fino alla vicina caserma dei Carabinieri in via Agostinone, dove ha suonato il campanello per chiedere aiuto.

Il foggiano, invece, dopo essersi liberato della parrucca utilizzata per camuffarsi, si è dato alla fuga. Probabilmente si trova nei dintorni di Foggia, ma non si esclude la possibilità che possa essere rimasto in zona, presso alcuni conoscenti della zona di Silvi Marina, dove ha abitato con la sua ex compagna, dalla quale ha avuto anche un figlio.

Intanto le condizioni dei feriti restano gravi: la donna ha il volto sfigurato, mentre all'uomo è stato asportato un rene.

AGGIORNATO ALLE 9,30 DEL 9 NOVEMBRE 2009


Un uomo di 47 anni originario del foggiano è ricercato dalla scorsa notte dopo aver sparato all'ex convivente ed al suo attuale compagno.

L'episodio è accaduto nella tarda serata di ieri. Dopo essersi allontanato dalla propria abitazione di Foggia, nonostante fosse agli arresti domiciliari per stalking, l'uomo è arrivato a Montesilvano, dove, camuffato con una parrucca bionda, ha pedinato la sua ex convivente, fino al tragico epilogo. In un parcheggio, infatti, ha sparato due colpi, ferendo la donna al volto ed il suo attuale fidanzato al viso.

La coppia si trova attualmente ricoverata presso l'ospedale di Pescara. Sono entrambi in prognosi riservata, la donna sarebbe in gravi condizioni.

Il colpevole si è dato immediatamente alla fuga. Le Forze dell'Ordine hanno subito avviato un'intensa caccia all'uomo, fra le provincie di Pescara, Chieti e Foggia, attualmente in corso.

L'uomo era agli arresti domiciliari da qualche giorno, a seguito della violazione dell'obbligo di dimora dal comune di Silvi, dove abita la sua ex convivente. Nonostante la denuncia, infatti, non si era rassegnato, e continuava a perseguitare la vittima costantemente.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento