Cronaca

Maxi sequestro di beni da 3,2 milioni ai clan rom di Montesilvano e Pescara

Nuova importante operazione congiunta delle Forze dell'Ordine nel pescarese ai danni delle famiglie di etnia rom che svolgono attività criminali. Sono stati sequestrati beni per 3,2 milioni

AGGIORNAMENTO Le abitazioni sequestrate dalle Forze dell'Ordine, in particolare dalla Guardia di Finanza e dalla Questura che si sono occupate delle indagini, si trovano in via Venna, via Vella e via Aterno a Pescara, mentre a Montesilvano in via Mosa.

Sono di proprietà di Arcangelo Di Rocco e Armando Spinelli. Confisca definitiva invece per i beni di Cristoforo Spinelli, in particolare della casa di sua proprietà a via L'Aquila a Pescara.

Durante le indagini, hanno sottolineato gli inquirenti, si è scoperto che le famiglie, che risultavano nullatenenti, hanno cercato di versare assegni presso la filiale dell'Agenzia delle Entrate di Teramo, sperando di eludere i controlli partiti da Pescara.

 

Oltre tre milioni di euro di beni fra immobili, auto e moto di proprietà di famiglie di etnia rom sono stati sequestrati questa mattina dalle Forze dell'Ordine nel pescarese.

L'operazione congiunta riguarda in particolare le famiglie Spinelli e Di Rocco, conosciute dalle Autorità per le numerose attività criminali svolte e che hanno permesso ai soggetti in questione, completamente sconosciuti al Fisco, di accumulare beni per svariati milioni.

Si tratta in particolare di quattro immobili, due auto, un motociclo e 14 conti correnti.

Questa è solo l'ultima di una lunga serie di attività d'indagine condotte negli ultimi anni che, dal 2007, ha portato al sequestro ed alla confisca di beni per oltre 26 milioni di euro, tutti acquistati con i proventi di attività come usura, truffa, estorsione, spaccio di stupefacenti.

Ulteriori dettagli verranno diffusi più tardi.

IL VIDEO DEI SEQUESTRI

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi sequestro di beni da 3,2 milioni ai clan rom di Montesilvano e Pescara

IlPescara è in caricamento