menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Madonnina: tornano le "dune" e il Fratino

Grazie al lavoro del WWF e della Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus tornano nella zona del Molo Nord, nei pressi della Madonnina, le dune e il fratino. Stamane si è tenuta la cerimonia d'inaugurazione

La Natura riconquista una porzione di città a Pescara, con le dune che tornano a caratterizzare un tratto del litorale in pieno centro urbano.

All'altezza della Madonnina presso il molo nord del porto grazie all'azione del WWF e della Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus rare specie di piante e di animali tipici delle spiagge hanno ricolonizzato un'area che ora è stata anche resa fruibile dai cittadini. Pescara ha ora un vero e proprio laboratorio all'aperto sulla biodiversità della costa adriatica dove conoscere il volto naturale di una spiaggia.. Il processo di rinaturalizzazione è partito alcuni anni or sono quando una coppia di Fratino, una rara specie di uccello, ha tentato di nidificare nell'area del molo nord dove si è formato negli anni un ampio accumulo sabbioso. Le tempestive segnalazioni delle associazioni bloccarono i periodici lavori di cosiddetta “pulizia” meccanica della sabbia che solitamente causa la totale scomparsa di ogni specie di pianta trasformando la spiaggia in una perfetta tavola piatta completamente artificiale.

Da allora WWF e Stazione Ornitologica Abruzzese assicurano la pulizia manuale dai materiali spiaggiati di origine antropica, come bottiglie, pezzi di plastica e rifiuti vari, lasciando invece quelli vegetali, come piccoli tronchi e rami, che costituiscono elementi importanti per l'accumulo della sabbia trasportata dal vento. Sono subito comparse le prime piante pioniere che hanno iniziato a stabilizzare la sabbia e a formare i primi embrioni dunali.

Le due associazioni, visto che il Piano spiaggia vigente destina l'area a parco delle dune e considerato che in pochi anni i nidi di Fratino sono aumentati facendo di questo tratto di spiaggia l'area di nidificazione più importante d'Abruzzo come densità, hanno richiesto a Comune e Capitaneria di Porto la possibilità di poter recintare con circa 200 paletti e centinaia di metri di corda le aree con vegetazione. In questo modo è stato anche limitato il disturbo dei passanti ai fratini in cova e con i piccoli. Sono state predisposte bacheche con cartelli che contengono magnifiche immagini del Fratino con i piccoli e brevi spiegazioni sull'ecologia della specie. Tra poco, una volta terminata la stagione riproduttiva del Fratino, saranno anche posizionati cartellini sulle piante più peculiari. Si tratta di un vero e proprio “regalo” alla città da parte delle due associazioni che hanno impegnato fondi propri, anche per dimostrare che con poco è possibile mitigare il danno che arrechiamo alla Natura. Da un punto di vista ambientale i risultati si sono visti immediatamente: quest'anno ben sette nidi di Fratino sono stati individuati e due hanno già prodotto piccoli che attualmente sono accuditi dai genitori. Diverse specie di piante adattate alla vita sulla sabbia hanno ricolonizzato gli embrioni dunali come la Silene colorata o il Ravastrello.

Dichiara Augusto De Sanctis, presidente della Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus “Dopo decenni a Pescara sono tornate le formazioni dunali che caratterizzavano il litorale pescarese fino agli anni '50 del secolo scorso. Grazie a questa sistemazione l'area della spiaggia della Madonnina è stata scelta come sito riproduttivo da diversi fratini, un uccello ormai molto raro e minacciato, protetto a livello comunitario. Ringrazio tutti i volontari della SOA e del WWF che con passione ed abnegazione stanno dando un supporto incredibile al progetto. La collaborazione con la Lega Navale e con la Coop.Cogecstre e la disponibilità dell'amministrazione comunale di Pescara, della Capitaneria di Porto e di Attiva SPA, con l'assenso della Provincia e del Corpo Forestale dello Stato, hanno permesso la nascita di questa vera e propria oasi in città che offrirà l'opportunità a tutte le scuole di Pescara e dintorni di studiare un ambiente particolare. Oggi hanno partecipato all'inaugurazione gli studenti dell'ottavo circolo e siamo convinti che anche tanti turisti apprezzeranno questo primo intervento. Auspico che nell'immediato futuro si possa ulteriormente migliorare l'allestimento, magari con un punto di osservazione e con altri cartelli didattici”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

  • Cura della persona

    Soap brows: come ottenere le sopracciglia “insaponate”

  • Salute

    Cos’è la stanchezza primaverile e come combatterla

Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento