Cronaca

Luci di Natale, si accende lo scontro (ma non le luminarie)

Si accende, come previsto, lo scontro sulla decisione del Comune di non installare le luci di Natale in città. Il PD ieri ha attaccato il Comune, che ha replicato con Santilli

Il Natale è alle porte ed in città si accende lo scontro sulle luminarie. IL Pd, infatti, con il capogruppo Di Pietrantonio, ha attaccato la giunta Mascia in merito alla decisione di non installare le luminarie in città, lasciando la possibilità di attrezzarsi autonomamente ai commercianti delle singole vie, con il pagamento da parte del Comune delle bollette dell'energia elettrica.

La decisione è stata presa a seguito della mancanza di fondi nelle casse comunali, e per mantenere una linea di sobrietà considerando il difficile periodo economico che stanno vivendo i cittadini. L'amministrazione comunale, ha ribadito Santilli, ha preferito riuscire a garantire una tassa Imu con aliquote molto basse piuttosto che spendere denaro per gli addobbi natalizi.

La decisione, però, ha scatenato le critiche dell'opposizione che ieri, con una conferenza stampa a Piazza Salotto, ha attaccato la maggioranza con il capogruppo Di Pietrantonio, convinto che questa decisione affosserà i guadagni dei commercianti, privando di attrattività il centro cittadino per gli utenti.

Enzo Del Vecchio, nei giorni scorsi, aveva fatto i conti in tasca alla Giunta Mascia snocciolando le varie spese sostenute nell'ultimo anno, per cercare di dimostrare come i soldi per le luminarie si potessero trovare.

LA REPLICA E' l'assessore Santilli a replicare al PD, sottolineando come le parole di Di Pietrantonio siano state incoerenti con quanto dichiarato negli anni precedenti, quando la Giunta Mascia era stata attaccata per aver spero oltre 100 mila euro per luminarie e luci natalizie in città. "E’ evidente che al consigliere Di Pietrantonio difetta la memoria, e dovrebbe mostrare un maggiore senso di responsabilità pensando che, se lo scorso anno ‘eravamo in un periodo di crisi’, tanto da imporre una maggiore sobrietà alla pubblica amministrazione, quest’anno la situazione è sicuramente peggiorata, con migliaia di famiglie alle prese con buste paga, quando ci sono, sempre più povere e imposte sempre più pressanti. Quest’anno rinunciare alle luminarie, per il Comune, era un obbligo morale per destinare le risorse a investimenti utili per le famiglie e per il territorio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luci di Natale, si accende lo scontro (ma non le luminarie)

IlPescara è in caricamento