Deposito illegale di medicinali: maxi sequestro di farmaci

Migliaia di confezioni di medicinali conservate illegalmente nello stesso deposito dove si trovavano pneumatici usati, vernice, rottami ed altri rifiuti speciali

I militari della Guardia di Finanza di Chieti hanno sequestrato 1.087 confezioni di medicinali in un deposito a San Giovanni Teatino. I farmaci erano destinati a farmacie di Pescara e del Chietino. Le confezioni erano conservate in modo illegale, all'interno di un deposito dove si trovavano anche neumatici, contenitori di vernice, rottami di autovetture, motori e batterie in disuso violando le norme di legge che impongono una conservazione speciale per i medicinali ad uso umano. Il sequestro è scaturito a seguito delle indagini avvenute dopo il fermo di un furgone adibito al trasporto di medicinali privo di autorizzazione.

FARMACI TRASPORTATI ILLEGALMENTE, MULTE E SEQUESTRI

Le sanzioni ammontano a 126 mila euro per otto soggetti coinvolti: uno di loro è stato denunciato in quanto identificato come il responsabile della distribuzione all'ingrosso dei farmaci senza autorizzazione. L'intervento si colloca nella strategia delle fiamme gialle che puntano a contrastare i traffici illeciti di qualsiasi natura.

Potrebbe interessarti

  • Vacanze in vista? Come richiedere il passaporto e dove rinnovarlo

  • Le 5 paninoteche di Pescara da provare assolutamente

  • Problema formiche? Ecco come allontanarle con rimedi naturali

  • Case vacanza, ecco gli 8 consigli della Polizia Postale di Pescara per evitare truffe

I più letti della settimana

  • Uomo ritrovato morto a Pescara in un capannone abbandonato

  • Ligabue a Pescara, cambia la posizione del palco: novità per i biglietti

  • Cerca di separare i genitori che litigano ma spinge il padre che cade e muore

  • Fiori d'arancio per Massimo Oddo, l'ex allenatore del Pescara si è sposato

  • La compagnia aerea Emirates cerca hostess e steward, selezioni a Pescara

  • Stroncato da un malore in spiaggia, pescarese muore a Ortona

Torna su
IlPescara è in caricamento