menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pescara: droga, alcol e cellulari ai detenuti in cambio di favori, arrestato agente della Polizia Penitenziaria

Il 51enne, assistente capo della Polizia Penitenziaria, in cambio di soldi e favori faceva arrivare ai detenuti del carcere di San Donato stupefacenti, alcol e telefoni cellulari

Faceva arrivare droga, alcol e telefoni cellulari ai detenuti del carcere di San Donato, in cambio di soldi o favori. Per questo P.C. 51enne pescarese, assistente capo della Polizia Penitenziaria, è stato arrestato dalla Squadra Mobile con l'accusa di corruzione. L'indagine condotta dagli agenti e diretta dal Pm Pompa, ha permesso di scoprire lo scambio illecito che avveniva fra l'agente ed alcuni detenuti. Il 51enne infatti faceva addirittura telefonare con il suo telefono personale i detenuti per contattare i loro familiari, oppure faceva arrivare nelle celle piccoli smartphone.

L'indagine nasce anche a seguito della segnalazione dello stesso Corpo di Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale di Pescara del ritrovamento di due cellulari durante un'ispezione delle celle ed una perquisizione, nascosti nelle tasche di un detenuto ed in un vocabolario di lingua italiana.

P.C. inoltre aveva ceduto ai detenuti anche alcolici e sostanze stupefacenti: per questo lo scorso 20 aprile era stato arrestato in flagranza di reato dalla Squadra Mobile assieme ad un albanese di 22 anni arrivato da Roma a Pescara per un colloquio in carcere con un connazionale.
In quell’occasione lo straniero aveva consegnato a P.C. cocaina ed hashish ed un micro telefono cellulare da far arrivare all’amico detenuto, oltre a 50 euro che costituivano il prezzo della corruzione. Nell'armadietto dell'agente sono stati poi rinvenuti oltre 40 grammi di marijuana, 8 grammi di cocaina ed un altro mini telefono, oggetti che erano destinati ad alcuni detenuti del carcere di Pescara.

All'uomo, che già si trovata ai domiciliari per questa vicenda, è stato notificato ieri un nuovo arresto con detenzione domiciliare. Indagati anche i detenuti che hanno pagato o corrisposto altri favori a P.C.

agente1-2

agente2-3

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento