Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Detenuto aggredisce con una lametta un agente della polizia penitenziaria

Siamo alle solite. La convivenza tra reclusi e poliziotti penitenziari della casa circondariale di Pescara è sempre più a rischio. Vanno presi provvedimenti prima che succeda l'imponderabile

Oggi pomeriggio, all'interno del carcere San Donato di Pescara, c'è stata una nuova, brutale aggressione contro un poliziotto in servizio nel penitenziario pescarese.
Un detenuto di origine nordafricana pretendeva di recarsi in un'altra sezione dell'istituto di pena e al divieto imposto dall'agente ha reagito violentemente, dapprima con sputi al volto e sulla divisa, poi cercando di  sfregiarlo al volto con una lametta da barba.

Solo grazie alla prontezza di riflessi del malcapitato si è evitato il peggio e la situazione si è ricomposta. Il poliziotto è stato comunque trasportato al pronto soccorso dove gli hanno dato 6 giorni di prognosi. La situazione è esasperante e, nonostante le vibranti proteste e prese di posizione dei sindacati di polizia, nessun organo sovrano e di controllo prende ancora provvedimenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto aggredisce con una lametta un agente della polizia penitenziaria

IlPescara è in caricamento