menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna la didattica a distanza per le superiori, Tocco da Casauria zona rossa: l'ordinanza

La Did, dunque, torna per un periodo di 14 giorni da lunedì 8 febbraio nelle scuole secondarie di secondo grado di tutta la regione. Inoltre l'ordinanza stabilisce il divieto di aggregazione nelle piazze e nei centri storici

Torna la didattica a distanza per le superiori, Tocco da Casauria zona rossa: l'ordinanza del presidente della Regione Marco Marsilio, firmata nella giornata odierna, stabilisce le modalità da rispettare nel periodo tra il 6 e il 13 febbraio. Il provvedimento, dunque, sarà valido a partire da domani. 

La Did torna per un periodo di 14 giorni da lunedì 8 febbraio nelle scuole di secondo grado di tutta la regione. Per quanto riguarda le zone rosse, se Tocco da Casauria ci interessa perché ricadente nella provincia di Pescara, c'è un discorso ancora più delicato per San Giovanni Teatino, che come noto confina con il nostro territorio comunale. Nello specifico, per Atessa, San Giovanni Teatino e Tocco fino al 13 febbraio valgono le seguenti disposizioni: 

  • consentiti l’ingresso e l’uscita ai e dai Comuni di Tocco da Casauria, Atessa e San Giovanni Teatino al personale sanitario e quello deputato ai servizi alla persona, ai volontari e funzionari della Protezione civile nazionale e regionale, al personale delle forze di polizia, del corpo nazionale dei vigili del fuoco, nonché delle forze armate, nell'esercizio delle proprie funzioni
  • consentiti l’ingresso e l’uscita ai e dai Comuni di Tocco da Casauria, Atessa e San Giovanni Teatino in presenza di condizioni di comprovate ragioni di salute (ricovero ospedaliero, stato di gravidanza, patologie che necessitano di visite o cure indifferibili) debitamente certificate;
  • consentiti l’ingresso e il transito per e nei Comuni di Tocco da Casauria, Atessa e San Giovanni Teatino al personale impegnato nel trasporto finalizzato al rifornimento e al funzionamento di servizi essenziali, previa esibizione da parte di quest’ultimo di idonea documentazione relativa alla merce trasportata e alla destinazione della stessa;
  • in tutti gli altri eventuali casi non contemplati nelle lettere precedenti, l’ingresso ai Comuni è possibile esclusivamente a fronte di apposita autorizzazione rilasciata dal sindaco;
  • nei casi non contemplati nelle lettere precedenti, l’uscita dai Comuni è possibile esclusivamente previa apposita autorizzazione rilasciata, sulla base di proprie valutazioni, dal sindaco a fronte di evidenze rappresentate dagli interessati in ordine all’urgenza e indifferibilità dell’impiego

Inoltre l'ordinanza stabilisce il divieto di aggregazione nelle piazze e nei centri storici, su tutto l'Abruzzo, fino al 13 febbraio, oltre al distanziamento sociale nelle strutture pubbliche e private, e ingressi contingentati in tutti i locali commerciali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento