rotate-mobile
Attualità

Sindacati in piazza contro la Regione: "In Abruzzo nessun dialogo per il piano sociale scaduto nel 2019"

Spi-Cgil, Uil Uilp e la Fnp Cisl sono scesi in piazza per protestare contro la mancanza di confronto da parte della giunta Marsilio

Hanno protestato in piazza a Pescara i sindacati Spi-Cgil, Uil Uilp e la Fnp Cisl per chiedere alla Regione di aprire un dialogo in merito al piano sociale, scaduto nel 2019. Durante la fase d'emergenza, sottolinea il segretario Iovito di Spi-Cgil Abruzzo - Molise, la nostra regione è l'unica nella quale non c'è stato un incontro con le organizzazioni sindacali, dimenticando di fatto i pensionati e le categorie sociali più deboli.

Alla manifestazione era presente anche il segretario regionale Fnp Cisl  Gatti, che ha ricordato come ci siano temi cruciali per i cittadini da affrontare, come liste d'attesa, medicina generale e medicina territoriale. Il nodo del superticket infatti è stato risolto dal Governo e non dalla Regione.

Problemi anche per le Rsa, medicina regionale e legge sulla non autosufficienza, spiega Gatti:

Accade che si diano appuntamenti a 6 mesi e che si dica ad un anziano che se vuole farsi prima la visita deve andare a 60 km, ma non e' possibile ancor piu' se parliamo di anziani soli.C'e' gia' un finanziamento che la Regione avrebbe dovuto attivare, ad esempio quello per l'assunzione di infermieri che potevano essere presi gia' da giungi: ad oggi non c'e' alcun piano territoriale

Iovito ha concluso che la mancanza di ascolto ha portato i sindacati a scendere in piazza, e che le proteste continueranno se non ci sarà un dialogo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindacati in piazza contro la Regione: "In Abruzzo nessun dialogo per il piano sociale scaduto nel 2019"

IlPescara è in caricamento