Anche la scuola pescarese è in sciopero contro i provvedimenti del Governo per la riapertura

Una mobilitazione decisa che ha lo scopo di spingere il Governo a rimettere la scuola e la formazione al centro delle priorità del Paese

Anche la scuola pescarese sarà in sciopero nella giornata odierna, lunedì 8 giugno.
Una mobilitazione decisa che ha lo scopo di spingere il Governo a rimettere la scuola e la formazione al centro delle priorità del Paese.

A lanciare l'iniziativa, che prevede lo sciopero di tutto il personale docente, Ata e dell’area della dirigenza del comparto istruzione e ricerca, sono le organizzazioni sindacali Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda Unams e Snals Confsal.

"Lo sciopero", si legge in una nota, "si è reso necessario poiché la discussione sulla riapertura degli edifici scolastici è in grave ritardo: nessuna disponibilità da parte della ministra rispetto alla richiesta di un potenziamento degli organici del personale docente e Ata, la cui necessità è resa evidente dai contenuti del documento con cui il comitato tecnico scientifico indica le misure indispensabili per un riavvio in sicurezza delle attività in presenza, fissando parametri di distanziamento che imporranno un’articolazione del lavoro su gruppi ridotti di alunni. Anche nella nostra provincia continueranno ad esserci classi-pollaio e nessun aumento di personale che possa scongiurare il pericolo di doppi turni o della compressione/riduzione del tempo scuola. Precariato, edilizia scolastica, organici insufficienti, finanziamenti inadeguati, sicurezza sono temi irrisolti. Se davvero si vuol tornare in sicurezza alle attività in presenza, non bastano piccoli aggiustamenti, servono investimenti straordinari".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo motivo i cinque sindacati maggiormente rappresentative del comparto chiedono a tutto il personale della scuola di dare un segnale, spegnere il pc per un giorno per sostenere le ragioni di questa protesta: "Sciopereremo perché sia pienamente garantito il diritto all'istruzione dei figli insieme al diritto al lavoro delle loro madri e dei loro padri. Non vogliamo a settembre doverci accontentare di una scuola a metà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uno scambio di sguardi e c'è il colpo di fulmine, l'appello di una ragazza pescarese alla ricerca del suo principe azzurro

  • Gechi in casa: cosa fare e perché segnalarli al Wwf Abruzzo

  • Bambina di 6 anni con il nervo ottico infiammato ha bisogno urgente di una risonanza, ma manca il saturimetro amagnetico

  • Tre nuovi casi di Covid a Silvi: fra loro un'insegnante di una scuola di Montesilvano

  • Buoni fruttiferi postali prescritti, donna di Pescara recupera 8 mila euro: la decisione dell'arbitro bancario finanziario

  • Gli auguri di Pep Guardiola e Manuel Estiarte ad un commerciante di abbigliamento di Pescara [VIDEO]

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento