Arriva il protocollo della Regione per gli utenti del trasporto pubblico in Abruzzo: ecco le regole da seguire

L'ordinanza 84 del presidente Marsilio stabilisce anche i protocolli da rispettare per utenti, lavoratori e gestori del trasporto pubblico e della logistica in genere

Il presidente della Regione Marsilio ha firmato l'ordinanza numero 84 che disciplina il trasporto pubblico in Abruzzo e l'intero settore della logistica e spostamento di persone. L'ordinanza stabilisce, con un apposito allegato, norme e direttive da seguire per gli utenti, i lavoratori ed i gestori del sistema di trasporto pubblico per evitare il contagio da Coronavirus.

L'obiettivo è arrivare ad un sistema che possa reggere, anche in vista dell'imminente riapertura delle scuole, senza creare disagi e problematiche ai cittadini, ai quali comunque viene raccomandato e suggerito, dove possibile, l'uso di mezzi alternativi come biciclette e monopattini, soprattutto in città.

Fondamentale per il tpl l'aumento delle corse nelle ore di punta, mentre è auspicabile uno scaglionamento degli ingressi e delle uscite dagli edifici scolastici e pubblici nel caso dei lavoratori. In particolare, per gli utenti del trasporto pubblico sono previsti i seguenti obblighi:

  • divieto dell’uso del trasporto pubblico se si hanno sintomi di infezioni respiratorie acute e riconducibili
  • all'affezione da Covid-19 (febbre superiore a 37,5° C, tosse, congiuntivite, raffreddore);
  • acquistare, ove possibile, i biglietti in formato elettronico, online o tramite app;
  • nel corso del viaggio, igienizzare le mani ed evitare di toccarsi il viso.
  • seguire la segnaletica e i percorsi indicati all’interno delle stazioni o alle fermate, mantenendo sempre la distanza interpersonale di almeno 1 metro dalle altre persone;
  • utilizzare le porte di accesso ai mezzi indicate per la salita e la discesa, rispettando sempre la distanza di sicurezza di un metro;
  • sedersi solo nei posti consentiti mantenendo, ove prescritto, il distanziamento dagli altri occupanti
  • evitare di avvicinarsi o di chiedere informazioni al conducente
  • negli spazi di attesa e sui mezzi pubblici usare una adeguata protezione del naso e della bocca (mascherina chirurgica o mascherina di comunità)
  • in caso di passeggeri che a bordo dei mezzi presentino sintomi riconducibili all'affezione da Covid-19
  • (tosse, rinite, febbre, congiuntivite), gli stessi devono prontamente segnalarlo all’autista che informare le Autorità Sanitarie alle quali spetta la decisione sull’eventuale modalità di trasbordo dai relativi mezzi
  • al passeggero che presenti sintomatologia riconducibile al Covid-19 (tosse, rinite, febbre, congiuntivite), è richiesto, nelle more dell’eventuale operazione di trasbordo, di sedersi ad una distanza di almeno 2 metri rispetto agli altri passeggeri tramite una ricollocazione temporanea di questi ultimi, qualora disponibili
  • negli spazi adibiti a fermata, l’utenza, nelle fasi di stazionamento, è tenuta a mantenere il distanziamento sociale, di almeno 1 metro, così come nelle fasi di salita e discesa dai mezzi nel rispetto della normativa nazionale di prevenzione al diffondersi dell’epidemia

IL PROTOCOLLO COMPLETO

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pescara usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

Torna su
IlPescara è in caricamento