rotate-mobile
Attualità Portanuova / Via Conte di Ruvo

Autismo, protesta delle famiglie davanti all'assessorato alla Sanità per chiedere rispetto

La manifestazione è programmata in via Conte di Ruvo a Pescara per sabato 2 aprile a partire dalle ore 10

Chiedere rispetto per nostre famiglie.
Questo lo scopo della manifestazione di protesta organizzata da Asperger Abruzzo per sabato 2 aprile, giornata mondiale della consapevolezza dell'Autismo, che si svolgerà in via Conte di Ruvo a Pescara di fronte all'assessorato regionale alla Sanità, dalle ore 10 alle 13. 

Le motivazioni della manifestazione pacifica sono legate all'esclusione da parte della Regione Abruzzo delle associazioni di soli familiari all'interno del comitato tecnico scientifico.

Associazioni e famiglie manifesteranno contro la pubblicazione in totale mancanza di trasparenza della delibera di giunta regionale censurata dei componenti del comitato tecnico scientifico d'Abruzzo; per manifestare contro le liste d'attesa infinite dei centri terapeutici (ritenute illeciti da tutti i tribunali del territorio abruzzese) che ritardano le prese in carico dei nostri figli; per manifestare contro le mancanze di controllo sulla qualità delle terapie convenzionate offerte dai centri privati convenzionati; contro il continuo perpetrarsi, da parte della Asl 02 di Lanciano Vasto Chieti, di rinnovi burocratici inutili e ad personam che piegano da anni le famiglie stanche, sfinite e di cui tutti sono a conoscenza da anni; contro il continuo lottare delle famiglie per il raggiungimento di ogni diritto.

«La nostra manifestazione pacifica», si legge in una nota, «sarà aperta a chiunque voglia unirsi per chiedere rispetto per le nostre famiglie che per linee guida devono essere messe al centro dei percorsi dei loro figli e che vengono sistematicamente escluse, anche dai tavoli tecnici. Avremmo voluto impegnare questa giornata così importante per finalità benefiche per i nostri figli invece di trovarci a manifestare per dei diritti sacrosanti. Avremmo preferito raccontarvi che dopo aver mandato una Pec e due mail all'assessore Nicoletta Verì per cambiare la delibera di giunta ci avesse risposto. Ma siamo stati ignorati e ci troviamo ancora a manifestare per dei diritti, come da sempre facciamo, e quindi manifesteremo. Il 2 aprile non sia mai più un giorno di festa e propaganda, le vite delle famiglie con autismo sono costantemente in lotta per l'ottenimento di ogni diritto, il problema delle nostre famiglie non è mai l'autismo dei loro figli, l'unico problema delle nostre famiglie sono le mancanze delle Istituzioni con cui ci scontriamo quotidianamente, che sono a conoscenza di tutte le nostre difficoltà e che non fanno nulla per sistemare i disagi che loro stessi causano. Il 2 aprile non sia mai festa e passerella mediatica per raccattare voti e consensi, per dimostrare agli elettori quanto siete sensibili. Approfittate piuttosto del 2 aprile per dare alle famiglie il rispetto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autismo, protesta delle famiglie davanti all'assessorato alla Sanità per chiedere rispetto

IlPescara è in caricamento