rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Attualità Cappelle sul tavo

In arrivo 70 nuovi agenti per la polizia municipale, ma sono ancora troppo pochi: 300 quelli di cui la città avrebbe bisogno

A fare il punto è il presidente della commissione sicurezza Armando Foschi che sottolinea gli sforzi che si stanno facendo perché entro fine anno se ne contino almeno 160. Si lavora per l'istituzione del servizio notturno per garantire operatività da mezzanotte alle sei del mattino

Settanta nuovi agenti per la polizia municipale. A tanto ammonteranno quelli che nei prossimi mesi entreranno in servizio: 29 con contratto di formazione e già in forze dal primo ottobre cui se ne aggiungeranno altri 19 nel 2023 e 22 i vincitori di concorso che entreranno con contratto a tempo indeterminato.

Ad annunciarlo è il presidente della commissione sicurezza del territorio Armando Foschi al termine della commissione tenutasi proprio per fare il punto sul piano occupazionale della polizia municipale. Commissione cui hanno partecipato il comandante Danilo Palestini e il direttore del personale del Comune Fabio Zuccarini.

Numeri che comunque, sottolinea lo stesso Foschi, “sono sempre sotto la soglia minima prevista dalla norma, ma comunque sappiamo che entro fine anno dovremmo poter contare su una forza lavoro di 160 unità. Come ha ammesso il comandante Palestini, una città come Pescara avrebbe bisogno di un contingente operativo della Polizia locale di almeno 280-300 unità al fine di coprire tutte le funzioni attribuite alla struttura, ricordando che il capoluogo adriatico è oggi assimilabile a una ‘grande città’, dotata di un porto, aeroporto internazionale, uno scalo ferroviario snodo centrale e poi abbiamo cliniche, un ospedale pubblico il cui pronto soccorso supera i 400 accessi giornalieri, scuole, università, impianti sportivi, è sede della Regione Abruzzo. Ovvero: se una grande città come Milano con 3milioni di abitanti può contare su 3mila agenti di Polizia locale, Pescara con 300mila fruitori quotidiani di servizi, di cui 120mila residenti, dovrebbe poter avere almeno 300 vigili urbani, e invece entro fine anno potremo averne solo 160”, ribadisce.

Solo nel mese di novembre, fa quindi sapere il presidente, sono stati solo a Pescara 96mila i verbali, “carte che richiedono poi controlli, verifiche e agenti che sappiano far camminare quelle sanzioni, senza dimenticare che oggi il comando opera su turni dalle 6 alle 24, spesso allungandosi sino alle tre del mattino, e si sta lavorando per garantire l’istituzione del turno notturno dalla mezzanotte alle 6 del mattino”, annuncia. Anche per questo l'investimento per far sì che un rafforzamento, sebbene non sufficiente, ci fosse. A oggi dunque la polizia municipale in città è formata dai 29 assunti con contratto di formazione di lavoro, 22 agenti assunti a contratto determinato e risultati idonei in occasione della ripetizione del concorso per 30 posti tra cui figurano 10 stagionali già impiegati e altri 12 che a fine novembre non avranno però proroghe contrattuali. Nel 2023 le altre 19 assunzioni con contratto di formazione cui si aggiungerà, conclude Foschi, “altro personale reclutato attraverso lo strumento della mobilità da altri Comuni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In arrivo 70 nuovi agenti per la polizia municipale, ma sono ancora troppo pochi: 300 quelli di cui la città avrebbe bisogno

IlPescara è in caricamento