rotate-mobile
Attualità

Non solo assaggi, al Pescara Abruzzo Wine si parla anche di cambiamento climatico

Il convegno di domenica 10 dicembre, al quale hanno partecipato molti produttori, è stato sicuramente il momento clou della rassegna conclusasi ieri all'Aurum, ma non sono mancate le degustazioni

Con la giornata conclusiva dell'11 dicembre è terminata anche la 17esima edizione del Pescara Abruzzo Wine - Premio Vino e Cultura città di Pescara 2023, tenutosi nell'Aurum e organizzato dall'architetto Nino Catani insieme all'Aies (Accademia Internazionale Enogastronomi Sommeliers) – Delegazione Adriatica. Quattro giorni di assaggi delle innumerevoli etichette presenti, non solo abruzzesi, ma anche importanti momenti di confronto tra gli addetti ai lavori, come avvenuto domenica 10 dicembre con il convegno dal titolo "Il cambiamento climatico e l’opportunità dei vitigni resistenti", che ha visto la partecipazione della dottoressa Antonella Bosso, responsabile della sede di Asti del Centro di Ricerca Viticoltura ed Enologia, la quale ha relazionato sugli effetti del cambiamento climatico in relazione alla composizione dell'uva, illustrando alcune strategie di adattamento in vigneto e in cantina.

Un momento del convegno sui vitigni resistenti

Il dottor Nicola Biasi, invece, ha ragguagliato i presenti sui sorprendenti risultati della sua esperienza con i vitigni resistenti, e, al termine del dibattito, ha fatto degustare i vini ottenuti. L’avvocato Edi Della Sala, specialista in diritto alimentare nonché marketing & business in wine food & beverage, ha parlato dell’esperienza sull’utilizzo dei vitigni resistenti nella produzione dello Champagne, essendo egli stesso ambasciatore dello Champagne in Italia. Il dottor Cesare Tiberio, responsabile territoriale dei Vivai Cooperativi Rauscedo, ha affrontato il tema dell’ibridazione dei vitigni autoctoni abruzzesi, mentre l’enologo Romeo Taraborrelli ha illustrato il “Piantone piantato” e i vitigni resistenti in Abruzzo, di cui anche in questo caso è stato possibile assaporre alcune varietà.

Alcuni dei vini in degustazione - foto Confraternita del Grappolo

Hanno coordinato il dibattito il professor Leonardo Seghetti, il presidente degli Enologi Abruzzesi Gianni Pasquale e l’enologo Concezio Marulli. Tra i numerosi partecipanti al convegno, in una sala gremita, figurano i produttori Alessandro Nicodemi e Franco D'Eusanio (rispettivamente presidente e vice presidente del Consorzio Tutela Vini D'Abruzzo), Enrico Marramiero, Gianluca Galasso, Filiberto Mastrangelo, Stefania Bosco, Vittorio Di Carlo, Anna e Carla Rita Perrucci, Giampaolo Guardiani, Giuseppe Cavaliere e Fabio Pietrangeli, oltre a molte altre aziende, tecnici ed operatori del settore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non solo assaggi, al Pescara Abruzzo Wine si parla anche di cambiamento climatico

IlPescara è in caricamento