rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Attualità Manoppello

Protesta del comitato “Manoppello Sicura” davanti al giardino dell’Abbazia Santa Maria Arabona

Tanti cittadini hanno manifestato la propria indignazione per la devastazione del Giardino e anche per le associazioni allontanate e i turisti che in più occasioni sono rimasti fuori con il giardino chiuso

Protesta davanti al giardino dell'Abbazia Santa Maria Arabona a Manoppello organizzata dal comitato "Manoppello Sicura".
La manifestazione si è svolta dopo tanti mesi di proteste.

Il nocciolo della questione riguarda «la devastazione del giardino e anche per le associazioni allontanate e i turisti che in più occasioni sono rimasti fuori con il giardino chiuso».

Daniele Parlante del comitato annuncia: «Abbiamo raccolto 500 firme di cittadini indignati che, insieme ai presenti alla protesta, chiedono i seguenti punti: sollevare da ogni incarico l’attuale gestione e nomina di un nuovo rettore, affidare il giardino a uno staff multidisciplinare di esperti. Ora ci appelliamo al vescovo Forte, chi ha causato questo non può continuare a gestire”.

Per le associazioni di tutela ambientale presente Alberto Colazilli, presidente nazionale di Conalpa-Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio in rappresentanza anche del Fai Pescara e Pro Natura Abruzzo, che dichiara: «Ribadiamo la condanna unanime per la devastazione arrecata al giardino storico S. Maria Arabona che ha causato danni per decine di migliaia di euro. È stato presentato in soprintendenza un progetto di ripristino dalla Curia, aspettiamo di visionare il progetto esecutivo e capire cosa si farà. Una cosa è certa, non si può pensare di ripristinare un giardino storico con sporadici interventi non programmati e senza coinvolgere validi esperti. Occorre staff multidisciplinare per la realizzazione e successiva gestione, che rimane una delle questioni più delicate e difficili da risolvere».
Questo invece quanto dice il vice presidente nazionale Giulio De Colibus dell’Archeoclub d’Italia dopo aver evidenziato la gravità dei danni arrecati al giardino e la disponibilità a costituirsi parte civile nel caso di attivazione di procedimenti penali: «Il giardino e l'abbazia sono un bene di tutta la collettività, simboli della storia d'Abruzzo, quindi non possono essere usati a proprio piacimento senza rispettare le regole di tutela e coinvolgere staff multidisciplinari di esperti di beni culturali e ambientali».

Dott. Daniele Parlante - Comitato "Manoppello Sicura"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta del comitato “Manoppello Sicura” davanti al giardino dell’Abbazia Santa Maria Arabona

IlPescara è in caricamento