rotate-mobile
Attualità

Prolungamento della pista dell'aeroporto d'Abruzzo: i lavori sono fermi

La conferenza stampa di presentazione per l'avvio dell'importante intervento c'è stata il 5 febbraio con il cantiere che avrebbe dovuto aprire ufficialmente i battenti il 22 secondo quanto riferito da Desk Aeroporto, ma al momento di interventi non se ne vedono. La consigliera comunale M5s e candidata alle regionali Alessandrini va sul posto: "Ci raccontano frottole"

Ufficialmente sarebbero dovuti partire il 22 febbraio, come riferito da Desk Aeroporto, i lavori per il prolungamento della pista dell'aeroporto d'Abruzzo annunciati già il 5 febbraio con una conferenza stampa, ma il cantiere ad oggi non c'è.

Lavori fermi dunque come confermato dall'aeroporto, ma al momento non se ne conoscono le ragioni. Quattro le fasi di intervento previste, con la prima, quella che sarebbe dovuta partire, che prevede la demolizione dell'esistente strada perimetrale e la recinzione del tratto dove si effettueranno gli effettivi lavori di allungamento della pista desinata a raggiungere 2 chilometri e 800 metri consentendo allo scalo si aprire ai voli intercontinentali. Circa 400 i metri previsti per il prolungamento finanziato.

Per la realizzazione dell’opera sono stati effettuati gli espropri di terreni che erano destinati all’uso aeroportuale fin dal 2006. Gli interventi sono finanziati attraverso il Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014/2020 di 7 milioni e mezzo, circa, cifra che copre anche le attività di esproprio necessarie. Le opere affidate alla Rti composta dalla Laghetto Conglomerati di Roma, Zappa Benedetto srl di Sulmona e Appalti Engineering di Elice hanno un importo di 4 milioni 720 mila euro circa.

Alessandrini (M5s): "Ci raccontano frottole, non ci sono né uomini né mezzi a lavoro"

Che i lavori siano fermi non è passato inosservato alla consigliera comunale e candidata alle elezioni regionali del 10 marzo Erika Alessandrini (Movimento 5 Stelle) che sul posto ha realizzato un video con cui denuncia lo stallo della situazione nonostante l'annuncio “il 5 febbraio il presidente della Regione Marco Marsilio in pompa magna annunciava l'inizio dei lavori di allungamento della pista circondato da operai e una schiera di assessori e consiglieri regionali”.

“Decantava quanto erano stati bravi a spegnere soldi che avevano in cassa da più di dieci anni dicendo che i lavori partivano. Lo abbiamo visto tutti con la pala e il caschetto smuovere la prima zolla di terra”.

“Alle mie spalle – incalza Alessandrini – potete vedere cosa c'è. Niente. Zero assoluto. Il silenzio totale. Non ci sono uomini a lavoro né mezzi parcheggiati, né mezzi che testimoniano che qualcosa sta accadendo e non ci dicessero che non ci sono i lavori perché piove. I lavori di bonifica del terreno non sono iniziati e i lavori per l'asfalto non ci sono. Ci raccontano frottole e pensano che nessuno venga a controllare”, conclude ricordando l'appuntamento elettorale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prolungamento della pista dell'aeroporto d'Abruzzo: i lavori sono fermi

IlPescara è in caricamento