rotate-mobile
Attualità Castellamare / Via Nazionale Adriatica Nord

Donna disabile discriminata, la replica di Poste Italiane: "Cliente abituale, è stata regolarmente servita"

L'azienda precisa che la signora è "conosciuta da tutto il personale dell’ufficio" e aggiunge che "ha portato a termine tutte le sue operazioni presentate allo sportello"

Poste Italiane replica alle accuse delle associazioni “Carrozzine Determinate” e “Accessibilità & Eventi Deaf Aps” in merito all’episodio verificatosi nei giorni scorsi all’ufficio postale di via Nazionale Adriatica Nord, dove una donna non udente sarebbe stata discriminata per ben due volte.

L'azienda precisa che la signora è una "cliente abituale, conosciuta da tutto il personale dell’ufficio", e aggiunge che "è stata regolarmente servita e ha portato a termine tutte le sue operazioni presentate allo sportello". Sempre Poste Italiane puntualizza che "in questi due ultimi anni e mezzo il personale, in ottemperanza alle disposizioni di sicurezza governative e alle indicazioni aziendali, ha sempre indossato le mascherine".

Poi l'azienda ribadisce che la donna "ha comunque svolto le sue operazioni relazionandosi in modo ottimale attraverso modalità di comunicazione alternative come i messaggi scritti e, nelle operazioni più complesse, con l’intervento del direttore dell’ufficio postale".

Dunque "nessuna discriminazione nei confronti della nostra cliente", ma "grande disponibilità e rispetto per tutti i cittadini che frequentano gli uffici postali e per il personale che opera a stretto contatto con il pubblico al fine di garantire le operazioni a sportello contemperando la necessità di tutelare la sicurezza e la salute di chi frequenta le sedi di Poste Italiane e dei loro famigliari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna disabile discriminata, la replica di Poste Italiane: "Cliente abituale, è stata regolarmente servita"

IlPescara è in caricamento