rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Attualità

Parte il progetto di solidarietà "Dona capelli" per le malate oncologiche abruzzesi

L'iniziativa prevede la possibilità di donare capelli per le pazienti oncologiche e presto potrebbero arrivare contributi dalla Regione per l'acquisto di parrucche

Parte il progetto di solidarietà per le malate oncologiche "Dona Capelli" voluto dall'associazione “I Colori della Vita” in collaborazione con Cna Abruzzo e “Mondial Hair”, che prevede la possibilità per le donne abruzzesi di donare i propri capelli alle pazienti oncologiche, grazie alla collaborazione dei parrucchieri aderenti alla Cna regionale, che conta oltre 500 operatori su tutto il territorio. I capelli saranno utilizzati per produrre, gratuitamente da parte dei professionisti, delle parrucche che poi saranno donate alle pazienti. La presidente dell'associazione Zulli:

La nostra associazione lavora da anni nel campo dell’assistenza alle pazienti oncologiche: grazie a un team composto da varie figure, che vanno dagli psicologi alle estetiste, dai parrucchieri agli artisti, cerchiamo di offrire un sostegno concreto a chi soffre. E crediamo che questa iniziativa muova proprio in quella direzione

Inoltre, a breve potrebbe essere sbloccata anche la possibilità che la Regione possa intervenire con un sostegno economico per finanziare l'acquisto delle parrucche, come ha fatto capire l'assessore Verì che ha partecipato alla presentazione specificando:

Purtroppo le condizioni del sistema sanitario abruzzese, in ragione del piano di rientro ancora in vigore, impediscono alla Giunta di procedere con un atto proprio. Ma io intendo farmi promotrice di una iniziativa di tutto il Consiglio regionale, dove è già stato presentato un disegno di legge in tale senso (ad opera della consigliera Marianna Scoccia, ndr) affinché tutti lo sostengano, senza distinzione di maggioranza e opposizione

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte il progetto di solidarietà "Dona capelli" per le malate oncologiche abruzzesi

IlPescara è in caricamento