rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Attualità

Un garage attaccato alla chiesa di Sant'Anna: i residenti chiedono spiegazioni

L'associazione Non chiediamo encomi: "A nome dei cittadini chiediamo alle autorità di verificare se sono state date le concessioni e se sì, perché"

Verificare se quel garage privato realizzato in aderenza alla parete della piccola chiesa di Sant'Anna, abbia avuto tutte le autorizzazioni del caso. E' quello che l'associazione “Non vogliamo encomi” chiede alle autorità di verificare per conto dei cittadini della zona che, riferisce, l'ha contattata per averne contezza. Siamo in una traversa di viale Bovio di Pescara e la chiesa di Sant'Anna, in stile neoclassico, è ad oggi in fase di restauro. Un luogo di culto cui i residenti sono molto legati e dove ogni anno, il 12 maggio, celebrano la giornata del ringraziamento in ricordo di quanto accaduto nel 1893, ricorda l'associazione. Un anno caratterizzato da forte siccità, prosegue la nota, che spinse a portare in processione la statua della Madonna dei sette dolori. Quando il corteo arrivò davanti alla piccola chiesa si scatenò un temporale che durò tre giorni salvando i raccolti e facendo della chiesa di Sant'Anna un luogo di culto in cui, come detto, ancora oggi si celebra la ricorrenza. La costruzione di quel garage in ferro zincato, dunque, non piacerebbe a molti, tanto da essere definita dall'associazione una grande “lavastoviglie”. Ma al di là del gusto estetico, ciò che i residenti vogliono sapere è se la sua realizzazione proprio in aderenza alla parete della chiesa in restauro, sia stata fatta secondo le norme di legge e, se sì, sapere con quali motivazioni è stato autorizzato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un garage attaccato alla chiesa di Sant'Anna: i residenti chiedono spiegazioni

IlPescara è in caricamento