Giro d'Italia 2017: tappa sul Blockhaus nel centenario della corsa?

L'arrivo della carovana rosa potrebbe avvenire dal versante di Roccamorice, dove a vincere fu Eddy Merckx nel 1967. Lo ha fatto sapere l'assessore regionale Donato Di Matteo. E adesso l'Abruzzo ci crede

Nel centenario del Giro d’Italia l’Abruzzo potrebbe ospitare a maggio 2017 una tappa molto importante. La presentazione è in programma martedì 25 ottobre a Milano. L’arrivo della corsa sul Blockhaus, potrebbe avvenire dal versante di Roccamorice, dove a vincere fu Eddy Merckx nel 1967.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo ha fatto sapere l'Assessore ai Parchi e Montagna della Regione Abruzzo, Donato Di Matteo, secondo il quale "questa è un’opportunità grandissima che inizia dal mare e si conclude sulla montagna. Ritengo che, oltre a essere un’operazione sportiva di notevole interesse, possa essere una vetrina internazionale per l’immagine di tutto il territorio abruzzese, grazie alla valenza di una corsa considerata tra le principali al mondo, per le qualità dei grandi campioni che nel corso degli anni vi hanno preso parte e per l’interesse che fin dalle prime edizioni suscita. L’Abruzzo tornerebbe così ad essere protagonista, e auspichiamo che la tappa si possa correre proprio sull’emozionante versante di Roccamorice dopo quasi 50 anni di assenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo si toglie la vita, tragedia nel Pescarese

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

Torna su
IlPescara è in caricamento