rotate-mobile
Calcio

Zeman a un passo dall'addio? Sebastiani: "Non so se ad Ascoli ci sarà"

Oggi incontro chiarificatore tra i due. Resta a rischio la posizione del boemo. Il patron biancazzurro: "Devo parlarci. Se c'era un brutto clima allo stadio era per ciò che lui ha detto nella conferenza stampa della vigilia"

E' rottura - forse definitiva - tra Zdenek Zeman e l'ambiente biancazzurro: ieri pomeriggio in mixed zone, al termine di Pescara-Novara, il presidente Daniele Sebastiani ha negato che l'allenatore avesse rassegnato le dimissioni lo scorso 1° settembre, ma il boemo lo ha smentito poco dopo in conferenza stampa, confermando quanto già dichiarato alla vigilia della partita ("Io non dico le bugie").

Il patron del Pescara ha inoltre annunciato che non sa se Zeman siederà in panchina giovedì prossimo, 21 dicembre, ad Ascoli in occasione della trasferta allo stadio Del Duca, quando il Pescara tornerà in campo per il turno prenatalizio di Serie B. Insomma, il clima è rovente e sempre più teso.

"Se c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di merda dell'allenatore - ha dichiarato Sebastiani - Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò".

E sarà oggi pomeriggio il momento in cui si saprà se il boemo resterà o no al suo posto. La decisione arriverà dopo un incontro che lo stesso tecnico avrà prima dell'allenamento della squadra al centro sportivo 'Poggio degli Ulivi' di Città Sant'Angelo con Sebastiani, furioso dopo le parole pronunciate da Zeman sabato mattina, quando aveva appunto detto di essersi dimesso a settembre e di avere una squadra che ha poca voglia di vincere.

Ieri, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, i tifosi della curva nord (ma anche della tribuna) avevano contestato sia Zeman che Sebastiani. In caso di addio del boemo si fanno i nomi di Di Carlo, Stellone e Drago.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zeman a un passo dall'addio? Sebastiani: "Non so se ad Ascoli ci sarà"

IlPescara è in caricamento