Mercoledì, 23 Giugno 2021
Pescara calcio

Pescara-Salernitana ad alta tensione, la figlia di Grassadonia aggredita e picchiata a Salerno

La moglie dell'allenatore biancazzurro racconta su Facebook il bruttissimo episodio di cui è stata vittima la figlia: "Spintoni e calci affinché il papà capisca..."

La figlia di Gianluca Grassadonia, allenatore del Pescara, è stata aggredita con calci e spintoni a Salerno ieri, sabato 8 maggio, a due giorni dall'ultima partita del campionato di calcio di Serie B che vedrà domani i biancazzurri affrontare la Salernitana che, in caso di vittoria, potrà festeggiare il ritorno in Serie A.
A raccontare il grave fatto, che nulla a che vedere sia con il calcio che con il tifo sano, è la moglie di Grassadonia.

Annabella Castagna, dopo aver passato una settimana davvero pesante, ha deciso di raccontare tutto con un post su Facebook.

«Dopo cinque giorni di minacce e insulti dirette alla nostra famiglia, la follia consumatasi questa sera è intollerabile», racconta la consorte di Grassadonia, «nostra figlia, appena diciottenne, è stata minacciata e aggredita con spintoni e calci affinché il papà capisca.... Tutto questo per una partita di calcio. Ci auguriamo che questi criminali, ben lontani dall'essere tifosi, vengano identificati al più presto, anche perché questa è la prima volta in cui il bersaglio della violenza è stato un componente della nostra famiglia. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno mostrato solidarietà in queste ore così tristi e concitate, ma ci sembra chiaro, ora più che mai, che la nostra vita continuerà lontano da Salerno. Ci auguriamo che civiltà e rispetto possano divenire prerogativa di tutti».

Un episodio che di certo non c'entra con chi può definirsi vero tifoso, in questo caso si può parlare solo di criminali. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara-Salernitana ad alta tensione, la figlia di Grassadonia aggredita e picchiata a Salerno

IlPescara è in caricamento