rotate-mobile
Politica

Stella (M5s) attacca il centrodestra regionale sui fondi per le borse di studio: "5 milioni sono assolutamente insufficienti"

La consigliera pentastellata attacca l'amministrazione regionale che ha stanziato 5 milioni di euro per le borse di studio destinate agli studenti universitari

Una cifra, pari a 5 milioni di euro, assolutamente insufficiente per coprire l'intero scorrimento della graduatoria degli idonei alle borse di studio universitarie in Abruzzo. A dirlo la consigliera regionale del M5s Barbara Stella, che attacca la maggioranza regionale ovvero Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia:

"Dopo il mio intervento in difesa dei diritti degli studenti, di cui mi sono sempre fatta interprete, l’assessore Quaglieri e questa maggioranza di centrodestra si sono lasciati andare, durante la discussione del Bilancio, a inopportune risatine e una imbarazzante difesa d’ufficio del proprio operato che dopo 5 anni di governo Marsilio è inaccettabile. Per chi erano quelle risate? Per le studentesse e gli studenti che rinunciano agli studi per mancanza di risorse? Per le famiglie che fanno enormi sacrifici per permettere ai loro fogli di studiare, ma sono abbandonati da Regione Abruzzo? Per i giovani che scappano dagli atenei abruzzesi per vedersi garantito un loro diritto? È palese ormai che per il centrodestra non esiste la borsa di studio ma il “rimborso” di studio”

In questi 5 anni ho sempre denunciato i ritardi sulle borse di studio. Mi sono sempre battuta affinché si abolisse definitivamente la figura dell’ “Idoneo non beneficiario”, ovvero lo studente che ha diritto alla borsa di studio per merito e per reddito, ma che per mancanza di fondi non può riceverla. A Marzo di quest'anno gli idonei non beneficiari nel solo ateneo di Chieti-Pescara erano ben 1059. Di questi, 630 ragazzi aspettavano la borsa dal dicembre 2021: quasi 2 anni! Nell’ultima graduatoria delle Adsu si contano già oltre 2000 idonei non beneficiari, 1875 soltanto all’università D'Annunzio.

Inoltre non è da sottovalutare che la struttura tecnica, nel corso della seduta di bilancio, ha fatto sapere che la Regione ha chiesto al Ministero l’autorizzazione a utilizzare i fondi Fse per la copertura delle borse, e poter usare i 5 milioni per “altro”"

Anche per quest'anno, dunque, prosegue la Stella, il rischio è di vedere forti ritardi nell'erogazione dei fondi:

"Questa mancanza di programmazione delle risorse ha messo e continua a mettere in seria difficoltà tanti studenti e studentesse che, troppo spesso, sono costretti a fare la rinuncia agli studi, perché la nostra Regione non garantisce loro un diritto. Questa situazione disastrosa mette in difficoltà anche i nostri Atenei che sono sempre meno attrattivi. Negli ultimi anni abbiamo perso il 30% degli studenti, con una ricaduta negativa sulla nostra regione, anche in termini economici. La realtà dei fatti è che per il centrodestra abruzzese i giovani e il loro diritto allo studio non sono mai state e mai saranno una priorità “


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stella (M5s) attacca il centrodestra regionale sui fondi per le borse di studio: "5 milioni sono assolutamente insufficienti"

IlPescara è in caricamento