rotate-mobile
Politica

Al via i progetti sociali del Comune per l'autonomia delle persone disabili

Per dodici disabili pescaresi partirà il progetto finanziato con fondi Pnrr con il bando che è appena stato pubblicato e scadrà l'11 dicembre prossimo

Il Comune di Pescara ha pubblicato il bando, con scadenza 11 dicembre, per i dodici disabili che potranno avere un progetto sociale personalizzato al fine di renderli più autonomi. Il Comune è pronto a realizzare per ciascuno di loro un progetto personalizzato che prevede anche l'opportunità di una esperienza di co-abitazione e lo sviluppo di competenze digitali per favorire l'inserimento lavorativo. Il progetto è stato presentato dal sindaco Carlo Masci e dall'assessore Nicoletta Di Nisio sottolineando che è stata già firmata la convenzione con il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, da portare avanti fino al 31 marzo 2026.

Il sindaco Masci:

"Ciò che vogliamo è migliorare la qualità di vita di queste persone e favorire la piena partecipazione alla vita sociale, superando la frammentarietà degli interventi ma comunque lavorando a stretto contatto con tutti coloro che si occupano dei disabili e ne conoscono necessità ma anche capacità e sogni." L'assessore Di Nisio ha aggiunto:

"Le azioni previste sono scritte nell'avviso pubblico e sono interconnesse tra loro. Vogliamo mettere a punto e attivare un "Progetto di vita" per ogni partecipantetenendo conto dei bisogni delle persone con disabilità, ovviamente previa valutazione multidimensionale e prevedendo il raccordo con i servizi territoriali. Poi, seconda azione, vogliamo far sperimentare il co-housing ai 12 beneficiari, sistemandoli in tre abitazioni dotate di domotica e assistenza a distanza (i primi due edifici - su tre - sono già stati individuati in via Pietro Nenni e in via Maiella, dove si svolgono gli interventi per il "Dopo di noi"). La gestione del progetto, a seguito di procedura ad evidenza pubblica, è stata affidata alle Odv Arda e Diversuguali. E, quale terza azione, vogliamo consentire ai partecipanti di sviluppare le proprie competenze digitali attraverso la formazione, attivando 12 tirocini di inclusione socio lavorativa, tanto più che un'attività nel campo digitale è possibile anche a distanza. Tutti passaggi che hanno un unico obiettivo: sostenere le persone con disabilità per favorirne l'inserimento nella vita sociale."

Il costo delle attività è a carico dell'amministrazione, attraverso i fondi Pnrr,  ma è richiesta una compartecipazione dell'utente al budget di progetto del 20%. L'avviso prevede nel dettaglio i requisiti di accesso e anche il riconoscimento di una serie di priorità, ad esempio per la fascia di età 18-40 anni e per le persone che non hanno i genitori o i cui genitori non sono in condizione di garantire il sostegno necessario. Avviso e modulistica sono on line sul sito del Comune (https://www.comune.pescara.it/node/8963).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via i progetti sociali del Comune per l'autonomia delle persone disabili

IlPescara è in caricamento