rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Politica

Fina (Pd) dopo le elezioni in Sardegna: "Porteremo anche in Abruzzo il vento del cambiamento"

Il senatore e tesoriere del Pd interviene dopo la vittoria in Sardegna alle elezioni regionali di Alessandra Tobbe per la coalizione del centrosinistra e M5s

Il parlamentare abruzzese del Partito Democratico Michele Fina commenta la vittoria in Sardegna, alle elezioni regionali, di Alessandra Todde per la coalizione allargata di centrosinistra e del M5s:

"In Sardegna, con Alessandra Todde, vincono l’orgoglio di una terra che ha respinto le scelte calate da Roma, una candidata competente e preparata e una coalizione unita da un progetto chiaro e valido. Lo sforzo di dialogo tra forze democratiche, progressiste e civiche, l’intesa tra Pd, M5S, forze ecologiste e di sinistra ha prevalso ed è l’alleanza, da allargare anche alle forze di centro, che può battere queste destre incapaci e pericolose. 

È un segnale che non può essere ignorato, soprattutto in vista delle elezioni abruzzesi che presentano molti punti in comune con quelle sarde, a dispetto di quello che dice il presidente in scadenza Marsilio. Anche in Abruzzo c’è un presidente delle destre calato dall’alto, anche in Abruzzo si è toccato con mano il pessimo governo locale delle destre: Marsilio come Solinas è infatti agli ultimi posti nel gradimento dei cittadini.  Anche in Abruzzo il metodo Meloni ha significato la cannibalizzazione degli alleati. In Abruzzo a chi, come Marsilio, che ha preferito Roma ai problemi degli abruzzesi, proponiamo la bella candidatura di Luciano D’Amico, autorevole e legato alla sua terra per avere una sanità più efficiente, per la difesa della scuola pubblica e per dire no all’autonomia differenziata. "

Fina, a meno di due settimane dal voto regionale anche in Abruzzo, aggiunge:

"Anche in Abruzzo c’è una larga coalizione, anzi più larga, perché mette insieme tutte le forze alternative alle destre, nessuna esclusa. Collaborazione e non competizione è la chiave per dare vita a un’alleanza costituzionale, saldamente radicata in valori condivisi e capace di trovare un comune programma. Dopo un anno dalla sua elezione, la rotta tracciata da Elly Schlein appare sempre più chiara: restituire un’identità precisa al Pd, con battaglie condotte a viso aperto, dalla sanità pubblica al salario minimo, e ricercare sempre, senza stancarsi mai, l’unità del partito e della coalizione.  Il 10 Marzo ci sarà per l’Abruzzo, come c’è oggi per la Sardegna, la possibilità di scrivere una nuova storia."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fina (Pd) dopo le elezioni in Sardegna: "Porteremo anche in Abruzzo il vento del cambiamento"

IlPescara è in caricamento