rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Politica

Emergenza furti nei comuni della Val Pescara, Blasioli (Pd): "Il governo va informato e le promesse mantenute"

Ascoltare i sindaci, raccogliere le loro istanze e far sì che il governo Meloni mantenga l'impegno sul rafforzamento degli organici delle forze dell'ordine: questa la richiesta avanzata alla conferenza dei capigruppo dal consigliere regionale che chiede una risposta concreta per i cittadini spaventati e arrabbiati

Portare all'attenzione del governo Meloni la difficile situazione che si vive nei comuni della Val Pescara perché mantenga le promesse fatte sulla sicurezza e dunque rafforzi l'organico delle forze dell'ordine dando una risposta concreta a sindaci e cittadini che da settimane vivono un clima di paura e preoccupazione a causa dei tanti furti messi a segno soprattutto nelle abitazioni.

Ad avanzare la richiesta alla conferenza dei capigruppo è stato il consigliere regionale del Partito democratico Antonio Blasioli. Una vera e propria emergenza quella che si sta vivendo con i cittadini dei piccoli comuni che vivono un vero e proprio senso di abbandono, sottolinea, e preda di ladri “che sembrano pianificare alla perfezione i loro colpi con un’ottima conoscenza dei luoghi e soprattutto delle vie di fuga. La gente sente sulla propria pelle questo sentimento di impotenza”.

Parliamo in particolare di San Valentino in Abruzzo Citeriore, Scafa, Alanno, Serramonacesca, Abbateggio, Turrivalignani, Salle e Lettomanoppello. Proprio il sindaco di quest'ultimo, Simone Romano D'Alfonso, era stato il primo a lanciare l'allarme con poi il sindaco di Scafa Giordano Di Fiore primo a chiedere e ottenere un incontro con il prefetto Flavio Ferdani. La tensione ha raggiunto il massimo livello quando ad Alanno alcuni cittadini hanno circondato un furgone supponendo che chi era al suo interno fosse uno dei responsabili perché mai visto e costringendo i carabinieri di Penne a intervenire per tutelarne l'incolumità. A San Valentino persino il parroco aveva raccontato sui social quella che si poteva definire “una notte di paura” per descrivere proprio quel senso di impotenza che aveva portato i cittadini a organizzarsi in ronde con tutti i rischi conseguenti. I sindaci, su iniziativa di Antonio D'Angelo, primo cittadino proprio di San Valentino, hanno poi chiesto insieme che in prefettura si riunisse il comitato provinciale dell'ordine pubblico e così è stato con i controlli che sono stati rafforzati. Ma per i più il problema resta, lo hanno sottolineato più volte: serve una maggior presenza delle forze dell'ordine perché nonostante l'impegno di chi c'è i numeri non aiutano tra caserme chiuse e realtà dove se ne contano davvero pochi di uomini chiamati a coprire territori dove molti dei furti vengono messi a segno in contrade collinari dove la campagna si estende non poco e il buio della notte è un complice perfetto.

“I sindaci – rimarca Blasioli - non possono fronteggiare il malessere e la rabbia che monta, soli e senza competenze”

“Questi furti ripetuti stanno mettendo a serio rischio anche la sicurezza che ogni famiglia sente di avere almeno all’interno della propria abitazione. Bene hanno fatto le comunità, i sindaci e le rappresentanze istituzionali a ogni livello a far sentire la propria voce e bene ha fatto il nuovo prefetto della provincia pescarese a convocare immediatamente il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Sono certo – aggiunge - che ci sarà massimo impegno delle forze dell’ordine e rispetto l’autonomia organizzativa di queste, ma credo che sia arrivato il momento che il governo Meloni tenga fede alle promesse di più sicurezza, cavallo di battaglia di questo governo nelle ultime elezioni politiche”.

“È ora di rinforzare gli organici delle forze dell’ordine presenti in Abruzzo e in questo caso soprattutto nell’area della Val Pescara – chiosa - . È giusto farlo per garantire la sicurezza di tante famiglie di oneste lavoratrici e lavoratori che hanno deciso di restare a vivere nei propri paesi montani e che al sacrificio degli spostamenti quotidiani per lavorare o andare a scuola, ai sempre meno servizi e ai costi di vita superiore ora non debbano aggiungere anche il rischio più alto di furti nelle abitazioni e il senso dell’abbandono che pure inizia a serpeggiare in quelle comunità”.

“Per questo – conclude Blasioli - ho già chiesto l’inserimento di un punto all’ordine del giorno per audire i siindaci e la rappresentanza delle forze dell’ordine, affinché queste preoccupazioni vengano portate fino al Governo. È il momento che le promesse divengano fatti e non credo che ci sia momento migliore per assicurarlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza furti nei comuni della Val Pescara, Blasioli (Pd): "Il governo va informato e le promesse mantenute"

IlPescara è in caricamento