rotate-mobile
Meteo

Dopo un fine settimana quasi estivo tornano freddo e pioggia

A dirlo sono le previsioni elaborate da 3bmeteo.com: il peggioramento del tempo avverrà da mercoledì 17 aprile

Dopo il fine settimana con il tempo quasi da estate, cambia tutto la prossima settimana con l'arrivo di freddo tardivo accompagnato da rovesci, temporali e neve in montagna.
Questo quando indicano le previsioni di 3bmeteo.com.

A elaborarle il meteorologo Edoardo Ferrara: «Dopo il fine settimana dal sapore estivo le condizioni meteo cambieranno in modo netto nella nuova settimana. Sull'Italia confluiranno venti artici in discesa dal nord Europa e una depressione in risalita dal nord Africa, con rovesci, temporali (localmente anche con grandine), forte vento e netto calo delle temperature, anche sotto la media entro il 16-17 aprile».

Dalla quasi estate del fine settimana al freddo tardivo della prossima settimana

«In pochi giorni le condizioni meteo-climatiche cambieranno considerevolmente sull'Italia, passando da un fine settimana dal sapore estivo a condizioni quasi invernali per diverse regioni nella prossima settimana», conferma il meteorologo di 3bmeteo.com, Edoardo Ferrara che avverte, «termicamente potremmo fare marcia indietro di due mesi. La causa sarà l'affondo deciso di una saccatura colma d'aria artica questa volta non solo sull'Europa centro-settentrionale ma con molta probabilità anche sul Mediterraneo, dove l'anticiclone subtropicale verrà smantellato. In particolare proprio sull'Italia convergeranno il fronte freddo in discesa da nord e un insidioso vortice attualmente attivo tra Tunisia e Algeria in risalita verso il sud Italia. In questa circostanza dunque il tempo diventerà decisamente più instabile e freddo, specie al centrosud, con temperature probabilmente sotto la media in modo diffuso entro il 17-18 aprile».

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Piogge benefiche al sud, neve sull'Appennino, temporali

«Lunedì 15 sarà ancora una giornata di attesa con sole prevalente e clima piuttosto caldo su gran parte della Penisola», aggiunge Ferrara di 3bmeteo.com, «i primi segnali di cambiamento dovrebbero tuttavia iniziare a manifestarsi al nord, con l'avvicinamento del fronte freddo, associati a qualche pioggia o rovescio segnatamente sulle Alpi. Tra martedì 16 e mercoledì 17 si entrerà nel vivo, concretizzandosi la "fusione" tra la depressione in risalita dal nord Africa e il fronte freddo che nel frattempo valicherà le Alpi: mentre preziose piogge dovrebbero bagnare il Sud a partire dall'assetata Sicilia, il tempo tenderà a peggiorare anche al centronord con rovesci e temporali sparsi (spesso accompagnati anche da grandine) maggiormente incisivi su nordest e versante adriatico (nordovest con molta probabilità in larga parte asciutto). Il tutto contestualmente a un calo termico talora sensibile sotto venti burrascosi di tramontana e maestrale, fatto che potrebbe favorire il ritorno della neve sull'Appennino anche sotto i 1200-1300 metri su quello centrale. Anche sulle Alpi tornerà un po' di neve, specie su quelle di confine e orientali dove fiocchi bianchi potrebbero spingersi fin sotto i 1000 metri. Nei giorni immediatamente successivi il tempo potrebbe mantenersi instabile e piuttosto freddo per il periodo su diverse aree d'Italia, con ulteriori piogge sparse, temperature a tratti sotto la media e rovesci di neve su Alpi e Appennino a quote medie. Seguiranno importanti aggiornamenti, data la distanza temporale non è possibile addentrarci in ulteriori dettagli».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo un fine settimana quasi estivo tornano freddo e pioggia

IlPescara è in caricamento