rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Formazione

Servizio civile per la valorizzazione del dialetto: due posti per il progetto della pro loco “Terra dei 5 borghi” di Spoltore

Bando aperto per candidarsi e partecipare: le domande sono rivolte ai maggiorenni che non hanno compiuto 29 anni e vanno presentate entro le 14 del 15 febbraio

A lavoro per la comunità grazie al bando 2023 per il servizio civile: a Spoltore per due dei giovani che decideranno di svolgerlo c'è la possibilità di partecipare ai progetti della pro loco “Terra dei 5 borghi”. Il servizio durerà un anno e prevede un impegno di 25 ore settimanali su 6 giorni lavorativi per un totale di 1.145 ore e riguarderà il progetto di promozione culturale-turistico sugli “Idiomi ed espressioni dialettali nella cultura immateriale abruzzese”. Il rimborso previsto è di 507,30 euro al mese.

“Le attività della pro loco Terra dei 5 Borghi sono fondamentali per la città di Spoltore e non smetterò mai di ringraziare chi in questi anni ha prestato tempo e impegno per le sue iniziative – dichiara il sindaco Chiara Trulli -. Conoscere questa Pro Loco grazie al servizio civile è una grande opportunità”.

Le domande vanno presentate entro le 14 del 15 febbraio esclusivamente online compilando la scheda del progetto sul sito dell'Unpli. Il bando è riservato ai ragazzi maggiorenni che non hanno ancora compiuto 29 anni al momento della domanda. Il periodo di impegno è per il 2024-2025 con l'avvio in servizio che avverrà in ogni caso entro il 19 settembre 2024.

Il progetto “Salvaguardia delle radici attraverso il dialetto”, nell’ottica del programma di intervento “Le pro loco promotrici di sviluppo locale a favore di una maggiore consapevolezza del patrimonio culturale e ambientale” e in sintonia con il piano triennale 2023-2025, nasce con l’obiettivo di “salvaguardare e valorizzare le minoranze linguistiche dialettali abruzzesi al fine di evitarne la dispersione e in particolare promuovere il patrimonio linguistico abruzzese sfruttando il potenziale dei canali di comunicazione digitali”, si legge nella nota diffusa dall'amministrazione. “In questo contesto – conclude -, la collaborazione degli operatori volontari del servizio civile sarà importante per favorire il coinvolgimento della popolazione a un uso consapevole delle risorse naturali e culturali, valorizzando i territori in una dimensione di sostenibilità ambientale incentrata sulla comunità e la qualità della vita”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizio civile per la valorizzazione del dialetto: due posti per il progetto della pro loco “Terra dei 5 borghi” di Spoltore

IlPescara è in caricamento