Omicidio Domenico Rigante, strategie a Pescara per l'integrazione dei rom

Dopo l'omicidio Rigante, la questione dell'integrazione della comunità rom è tornata al centro delle discussioni e per questo la Prefettura ha avviato una stragegia di "inclusion" della comunità nomade in città

L'omicidio di Domenico Rigante da parte di Massimo Ciarelli e di altri rom ha rimesso al centro della discussione pubblica la questione dell'integrazione della comunità nomade a Pescara.

Per questo, dopo le tensioni vissute qualche settimana fa in città, la Prefettura ha deciso di avviare una strategia di inclusione dei rom. Ieri una delegazione dell'Unar, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni razziali è stata in città, incontrando il Prefetto ed i vertici delle Forze dell'Ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Presente anche una delegazione della comunità rom, che ha condannato l'omicidio di Domenico ed ha garantito il massimo impegno per l'inclusione socio lavorativa dei nomadi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente in mare morde bagnino a una mano, intervengono i carabinieri forestali

  • Dramma a Cappelle sul Tavo: si toglie la vita dopo la morte del figlio in un incidente

  • Poliziotta pescarese morta in casa, era madre di due figli

  • Tragedia a Scafa: schianto mortale per un motocilista lungo la sp63

  • Autostrada A14 nel caos, 8 km di coda prima del casello di Pescara Nord/Città Sant'Angelo

  • Collecorvino, moto contro auto: giovane trasportato in elicottero a Pescara

Torna su
IlPescara è in caricamento