rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca

Sventato dalla polizia un furto in abitazione e arrestata una delle presunte responsabili: l'altra è minorenne

Sono state gli agenti a notarle sotto un palazzo del centro. Le due, una 26enne che si è poi scoperto essere ricercata perché condannata a quattro anni di reclusione per reati simili, e una 16nne, avrebbero approfittato dell'assenza del proprietario per introdursi nell'abitazione

Avrebbero atteso che l'inquilino uscisse per introdursi nel palazzo, raggiungere il quarto piano e introdursi nel suo appartamento. A sorprenderle però sono stati gli agenti della squadra mobile cui le due, si è poi scoperto essere una 16enne e un 26enne di nazionalità straniera, hanno dichiarato di essere incinte probabilmente nel tentativo di evitare l'arresto. 

L'episodio si è verificato la sera dell'8 marzo. A notarle sono stati proprio gli agenti che le due si sono trovate davanti tentando anche la fuga. Fuga non riuscita: fermate sono state trovate in possesso di arnesi da scasso posti subito sotto sequestro. 

Erano entrambe sprovviste di documenti e non hanno fornito l'indirizzo di residenza ai poliziotti che le hanno portate in questura. Qui è stata accertata la loro età, il fatto che arrivassero da fuori regione e che la 26enne, dichiarata irreperibile nel 2022, era ricercata per un ordine di carcerazione emesso dall'autorità giudiziaria di Roma a seguito di un cumulo di condanne per reati contro il patrimonio, compreso il furto in abitazione: quattro gli anni che deve scontare. Per la 16enne è scattata la denuncia

Il tempestivo arrivo degli agenti ha impedito di fatto che il furto si compiesse dato che, fa sapere la questura, i proprietari hanno accertato che non mancava nulla nell'abitazione.

Nell'ambito delle attività di repressione, gli agenti della Squadra Mobile hanno inoltre sottoposto a detenzione domiciliare una donna pescarese di 73 anni, pluripregiudicata, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura alternativa alla detenzione emessa dal tribunale di sorveglianza di L’Aquila, dovendo scontare una pena di quattro anni per reati riguardanti le sostanze stupefacenti commessi a Pescara nel 2020.

.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sventato dalla polizia un furto in abitazione e arrestata una delle presunte responsabili: l'altra è minorenne

IlPescara è in caricamento