menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pesticidi nelle acque, in Abruzzo gli ambientalisti lanciano l'allarme

Gli ambientalisti del Forum H20 intervengono in merito alla questione della presenza di pesticidi nelle acque. Secondo il Forum, l'Arta nelle proprie analisi ricerca solo una minima parte delle sostanze pericolose

L'Abruzzo è la seconda regione in Italia per contaminazione delle falde acquifere da pesticidi. E' quanto emerge dal rapporto diffuso dall'Ispra e commentato dal Forum H20 dell'Acqua, che lancia l'allarme sicurezza per i cittadini, con il rischio di contaminazioni e di effetti negativi sulla salute.

Secondo gli ambientalisti, l'Arta ricerca nelle proprie analisi solo una minima parte delle sostanze nocive esistenti sul mercato. Nel 2013 l'Agenzia ha cercato solo 57 sostanze sulle 356 ricercate complessivamente in Italia (cioè il 16%). Nel 2014 anche peggio, 56 su 365 (il 15%)! Tra queste manca il Glifosato che è causa dei dati più allarmanti per il Nord Italia (in Italia è stato cercato solo in Lombardia e Toscana

Secondo il Forum, occorre immediatamente estendere la ricerca a tutte le sostanze in commercio, con un monitoraggio costante delle acque potabili, introducendo fitofarmaci in agricoltura al posto delle classiche sostanze e composti chimici.

"Non si possono continuare a spruzzare pesticidi tra case e strade! Anche in questo caso, come per gli idrocarburi, dobbiamo iniziare ad uscire dal mondo delle chimica aggressiva che comporta gravissimi problemi agli ecosistemi e in generale, alla vita" conclude il Forum.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento