menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parla il padre del ragazzo morto in scooter: “Non posso perdonare”

All'indomani dal terribile incidente sull'Asse Attrezzato, dove un giovane di 32 anni di Pianella è morto investito da un automobilista dopo una caduta, parla il padre della vittima. "Non posso perdonare, è impossibile che non l'abbia visto"

All' indomani dal tragico incidente sull'Asse Attrezzato, dove un giovane 32enne di Pianella, Francesco Italiani, è morto investito da un automobilista successivamente fuggito, parla il padre del ragazzo, in preda alla disperazione ed al dolore.

Una morte assurda, inaccettabile soprattutto per il fatto che il figlio, caduto con lo scooter per circostanze ancora da chiarire, era sopravvissuto all'incidente, come testimoniano gli automobilisti che si sono fermati subito per soccorrerlo.

  Mio figlio è stato ammazzato come un cane  
Francesco era quasi cosciente quando all'improvviso è sopraggiunta l'auto del pirata, Filippo Ludovico, un pugliese residente a Francavilla, che, nonostante le segnalazioni dei presenti e le luci delle auto, non ha visto il ragazzo riverso a terra, e lo ha investito uccidendolo.

"Non posso perdonare, non è possibile: mio figlio era sopravvissuto alla caduta, ed è impossibile che quell'uomo non l'abbia visto. C'erano le luci delle auto, gli automobilisti fermi, non posso accettarlo" dichiara Sabatino, il padre di Francesco.

"La cosa peggiore è il fatto che è scappato, un fatto imperdonabile, mio figlio è stato ammazzato come un cane" prosegue l'uomo, che poi parla e racconta la vita del figlio: "un ragazzo bravo, a posto, senza grilli per la testa, faceva il cameriere, era bravo e rispettato dal suo titolare e dai suoi amici".

Intanto proseguono le indagini e gli interrogatori da parte della Polizia Stradale di Chieti, che sta cercando di appurare con sicurezza se Francesco fosse realmente vivo e cosciente al momento dell'impatto. Per ora l'automobilista, invece, non ha rilasciato alcuna dichiarazione.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento