menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sventato furto in casa a un anziano, arrestata 47enne di Montesilvano

La donna è finita in manette in flagranza di reato. L'ha bloccata un Maresciallo dei Carabinieri di Chieti. Stava per raggirare un uomo di 86 anni fingendosi una conoscente di famiglia

I Carabinieri di Chieti hanno arrestato in flagranza di reato una 47enne di Montesilvano con precedenti di polizia. In un caldo pomeriggio estivo, a Chieti Scalo, va in scena una collaudata azione criminosa: una donna, simulando di essere una conoscente di famiglia, riesce a farsi accogliere nell’abitazione di un 86enne e, dopo averlo intrattenuto in conversazione, riesce a distrarlo consentendo l’accesso in casa a una complice, che inizia a rovistare nelle camere da letto in cerca di oggetti in oro e contante.

Nel frattempo, un’altra complice era in attesa nel cortile dell’abitazione mentre un ragazzo era all’esterno in osservazione. La presenza di questi ultimi due non sfugge all’occhio di un maresciallo dei Carabinieri, residente nello stesso immobile, che era libero dal servizio poiché nel proprio periodo di ferie.

Il militare dell'Arma si rivolge pertanto alla donna in cortile chiedendole il motivo della sua presenza, ottenendo una risposta bofonchiata e l’immediato allontanamento della stessa. Il pensiero del Carabiniere corre quindi immediatamente al vicino di casa, subodorando già che stia avvenendo qualcosa ai suoi danni. Suona pertanto al campanello e, dopo un’inconsueta attesa, con suo stupore, ad aprirgli la porta sono due sconosciute, alle quali, qualificatosi come Maresciallo, chiede conto della loro presenza.

Per tutta risposta le donne, oramai scoperte, tentano la fuga correndo per le scale, riuscendovi solo una poiché l’altra viene bloccata dall’ispettore. Immediata è la ricostruzione dei fatti e la richiesta di ausilio ai colleghi del Nor di Chieti, i quali sopraggiungono per dare man forte al collega, che nel frattempo aveva anche provveduto a rinfrancare l’anziano, rimasto scosso avendo visto i cassetti in disordine e realizzando di aver subito il reato.

Viene quindi fermato nei pressi dell’abitazione anche il ragazzo notato in precedenza, un 23enne di Montesilvano, risultato essere il figlio della donna fermata, che aveva verosimilmente la funzione di “palo”. La donna è stata quindi dichiarata in arresto e trattenuta in attesa del giudizio con rito direttissimo, mentre il ragazzo è stato deferito in stato di libertà.

Ulteriori indagini sono in corso per identificare le altre due complici riuscite a dileguarsi. La Procura della Repubblica presso il tribunale di Chieti ha chiesto la convalida dell’arresto per la quale si deciderà nella mattinata di lunedì.

All’anziano non è stato, fortunatamente, rubato nulla.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse in Abruzzo, chi entra e chi esce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento