A Montesilvano rimborsi spese per i malati oncologici e per quelli sottoposti a trapianto

Lo comunica l'assessore comunale alle politiche sociali, Barbara Di Giovanni, tramite il competente ufficio disabili. I contributi sono erogati dalla Regione Abruzzo. Le domande vanno presentate entro il 30 settembre

L'assessore Barbara Di Giovanni

Una boccata d'ossigeno per quelle famiglie che vivono il doloroso e angosciante calvario delle cure e delle terapie da affrontare per sostenere il proprio congiunto affetto da malattia oncologica o sottoposto a trapianto di organi. La Regione Abruzzo ha dato il via libera all'erogazione dei sostegni economici, a parziale rimborso delle spese sostenute per i ricoveri in strutture sanitarie accreditate, per le trasferte sostenute per raggiungere i luoghi di cura e per le prestazioni cliniche necessarie.

A tale proposito il Comune di Montesilvano ha già dato mandato all'azienda speciale per fornire assistenza ai cittadini residenti interessati. Lo comunica l'assessore comunale alle politiche sociali, Barbara Di Giovanni, tramite il competente ufficio disabili. Le domande vanno presentate entro il 30 settembre se si fa riferimento alle spese sostenute nell'anno corrente, mentre fa fede la data del 30 di aprile per le successive annualità.

Per ottenere il contributo, dal tetto massimo che oscilla tra i 2000 e i 3000 euro, bisogna comprovare, mediante documentazione certificata, la condizione di disabilità grave del familiare che necessita di trattamenti radioterapici o chemioterapici, o che deve ricorrere al trapianto di organi.

"Un supporto che, in un momento di crisi economica, è molto prezioso per le famiglie che ogni giorno combattono queste battaglie - sostiene l'assessore Di Giovanni - Sul territorio di Montesilvano, come Ente comunale, siamo disponibili a fornire tutte le informazioni ai cittadini e a supportare chi vuole presentare la richiesta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Priorità verrà data ai nuclei familiari senza reddito o che hanno all'interno un parente che, a causa della lungodegenza, è impossibilitato a svolgere il proprio lavoro e, di conseguenza, a percepire una retribuzione. Le richieste di rimborso riguardano anche i casi in cui è avvenuto il decesso del malato sottoposto a cure specialistiche. Per informazioni si può telefonare al numero 085.4225018 dell’azienda speciale dei servizi sociali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gechi in casa: cosa fare e perché segnalarli al Wwf Abruzzo

  • Bambina di 6 anni con il nervo ottico infiammato ha bisogno urgente di una risonanza, ma manca il saturimetro amagnetico

  • Tre nuovi casi di Covid a Silvi: fra loro un'insegnante di una scuola di Montesilvano

  • Buoni fruttiferi postali prescritti, donna di Pescara recupera 8 mila euro: la decisione dell'arbitro bancario finanziario

  • Pochi minuti e il cielo diventa scuro sopra Pescara, e viene giù il temporale [FOTO-VIDEO]

  • Donna travolta da un'auto mentre attraversa la strada a Montesilvano, è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento