Piazza Venezuela a Montesilvano avrà l'anfiteatro all'aperto e il suo monumento, ma qualcuno storce il muso

Contestata al sindaco la mancata partecipazione di cittadini e portatori di interesse. Di Giampietro (comitato Saline Marina Pp1): "Abbiamo bisogno di una piazza urbana, non di un'area adibita soltanto a sagre e mercatini"

Un progetto ambizioso e qualificante che il sindaco di Montesilvano, Ottavio De Martinis, ha presentato ufficialmente, stabilendo i tempi di realizzo e snocciolando costi e criteri di esecuzione. Piazza Venezuela sarà il luogo dove sorgerà un anfiteatro all'aperto (il primo della città) e dove verrà collocato il monumento fatto realizzare appositamente dai siciliani Mario Campo e Lorena Stabile e dedicato al paese sudamericano.

I tempi di realizzazione previsti sono di circa un anno e la provenienza dei fondi è da ricercare nell'intervento dei costruttori locali. Si lavorerà anche sull'innalzamento della sede stradale, compromessa dai dislivelli creati dalle radici degli alberi che impediscono il normale camminamento dei pedoni. Tutto molto bello, se non fosse per la mancanza di una consultazione pubblica che coinvolga i residenti del quartiere e i vari portatori di interesse. È quanto sostiene il presidente del comitato Saline Marina Pp1, Giuseppe Di Giampietro:

"La città è dei cittadini e di chi vi paga le tasse, non dei costruttori o dei politici pro tempore. Sul destino di piazza Venezuela il futuro non può essere deciso da amministratori di dubbia competenza. Il progetto presentato da De Martinis risale a 35 anni fa e va rivisto. Per il destino della piazza, con i suoi due ettari di estensione, proponiamo una discussione pubblica dove esporre contenuti, valutazioni e impegni di spesa, cercando di rendere partecipe anche la Fondazione Pescara Abruzzo".

Ad ogni modo, il comitato precisa di non avercela con gli amici venezuelani, con Antonio Locantore e Massimiliano Scuderi della Fondazione Zimei, ma solo ed esclusivamente con gli attuali amministratori che interverrebbero decidendo "di testa loro", senza consultare i cittadini che vivono e lavorano in zona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

Torna su
IlPescara è in caricamento