menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Botta e risposta fra Pd, M5s e l'assessore Aliano sui lavori in via Liguria a Montesilvano

Al centro del dibattito la questione dei lavori per la realizzazione di una palazzina di cinque piani e i continui allagamenti

Botta e risposta a distanza fra opposizione (Pd e M5s) e l'assessore Aliano, in merito ai lavori in via Liguria a Montesilvano ed al problema dei continui allagamenti. Qualche giorno fa, lo ricordiamo, il consiglio di Stato aveva disposto la sospensione dei lavori dopo l'ennesimo ricorso presentato dai residenti contro il progetto per la realizzazione di una palazzina di cinque piani al posto di un villino degli anni '60.

Pd e M5s, però, avevano evidenziato come il cantiere stia ancora operando ed avevano effettuato un sopralluogo sul posto assieme al deputato pentastellato pescarese Colletti:

La consigliera Ballarini:

“Nonostante la sentenza a sospendere addirittura il sabato all’alba si proseguono i lavori. Abbiamo tentato di chiamare il Comando di Polizia Municipale più volte da stamattina, appena allertati dai cittadini, per segnalare quanto stava accadendo e sollecitare un sopralluogo, ma di fronte ad un fax che si azionava alla fine abbiamo optato per una notifica pec”.

La consigliera Pd Di Costanzo:

 E’ grottesco che gli abitanti per essere ascoltati sui loro diritti debbano adire le vie legali, ed è ancora più grave che di fronte ad un’ordinanza di sospensiva rilasciata ieri dal Consiglio di Stato, prima dell’esame di merito, stamattina ci si affretti a perseverare al completamento dei lavori. E’ necessario scardinare un sistema urbanistico tipicamente locale che, in deroga alle norme nazionali, permette che si realizzino scempi simili che prevedono consistenti incrementi volumetrici senza nulla concedere in materia di standard alla via.

Una via angusta a doppio senso di marcia che manca dei minimi requisiti di sicurezza stradale in termini di marciapiedi, parcheggi e ampiezza di carreggiata e soprattutto carente di un sistema di raccoglimento delle acque bianche e nere e pertanto soggetta a continui allagamenti - e ieri ne è stata la riprova. Una situazione grave rispetto alla quale avevamo informato anche il nostro senatore della Repubblica

L'assessore comunale però attacca duramente l'opposizione ed in particolare il Pd, ritenuto responsabile di 21 anni di politica urbanistica scellerata che ha prodotto gli effetti che si vedono in via Liguria e in diverse zone della città ricordando di essere stato querelato quando aveva parlato di danni inqualificabili fatti dalle amministrazioni comunali di centrosinistra:

Quei danni a cui oggi stiamo ponendo rimedio. Questa amministrazione, al contrario delle precedenti, sin da subito si è contraddistinta per aver conferito al prof. Lucio Zazzara l’incarico per la variante generale al Piano regolatore e alle norme tecniche di attuazione, proprio per disciplinare in maniera più adeguata ed opportuna uno strumento che negli anni ha concepito disastrose iniziative edilizie sul nostro territorio. Iniziative che ancora oggi sono causa di allagamenti e che hanno relegato il territorio a città dormitorio e di passaggio. Nel contempo, ci siamo portati avanti nel lavoro, e dopo aver approvato in consiglio comunale il piano delle scarpate, abbiamo conferito incarico a professionisti del settore che, entro la fine dell’anno, dovranno rimettere la relazione geologica e la Vas necessari per il lavoro del prof. Zazzara.

All'inizio del 2021, fa sapere Aliano, ci sarà la fase di concertazione con il consiglio comunale e le associazioni di categoria, incontrando anche i residenti dei quartieri interessati, per puntare alla riqualificazione e rilancio del tessuto urbano dotando la città di spazi di aggregazione, di una nuova viabilità, di un corso per lo shopping, di una piazza vivibile e di tutto rispetto, di un anfiteatro, di una via per la movida.

Vogliamo scongiurare la nascita di palazzi di sette piani accanto a ville o case ad uno o due piani. Riordinare la materia per quanto possibile. Intervenire nei luoghi degradati conferendo opportunità a fronte della riqualificazione: penso ad esempio al palazzo di via Lazio 61 o alla porta a nord della città, a cui il sindaco ha deciso di dedicare la propria attenzione. Nel contempo, abbiamo iniziato un processo di informatizzazione del sistema urbanistico per proiettarci verso il futuro consapevoli che con la digitalizzazione avremo un grado di affidabilità dei procedimenti di ben altra specie rispetto alla carta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento