Montesilvano Montesilvano

Nuova Pescara, De Vincentiis: "Tutelare la montesilvanesità"

Secondo il presidente dell'assise civica, come riferisce Ansa Abruzzo, la fusione «non porterebbe benefici»

Il presidente del consiglio comunale di Montesilvano, Ernesto De Vincentiis, scende in campo a difesa della montesilvanesità del suo territorio e contro il progetto di fusione della Nuova Pescara.
Secondo il presidente dell'assise civica, come riferisce Ansa Abruzzo, la fusione «non porterebbe benefici».

Questo quanto spiega De Vincentiis:

«Esiste una montesilvanesità? Certo che esiste, anche se nel tempo la nostra città è stata "terra di conquista". Montesilvano non vuole perdere la sua identità. Una città di 60mila abitanti ha il diritto di vivere in piena autonomia. Noi siamo da sempre contrari, insieme a Spoltore, il minimo è che la legge, nata quattro anni dopo il referendum, venga rivista: bisogna rivederla totalmente, prima di cancellare due realtà come Montesilvano e Spoltore».

Per discuterne De Vincentiis, in accordo con il sindaco Ottavio De Martinis, aveva ottenuto un incontro con la maggioranza in Regione: «Marsilio ha preso atto dei nostri dubbi. Ci aspettiamo che la Giunta regionale dia il suo parere. Una cosa è certa: come prevista, ora si tratta di una fusione che non porterebbe benefici».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova Pescara, De Vincentiis: "Tutelare la montesilvanesità"

IlPescara è in caricamento