menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'allarme del consigliere di Montesilvano Tocco: "Strutture ricettive al collasso"

Il consigliere comunale e vice presidente del consorzio grandi alberghi di Montesilvano lancia l'allarme per la difficile situazione degli hotels e delle strutture ricettive

Una situazione drammatica e che sta portando le strutture ricettive abruzzesi e pescaresi verso il baratro. Così il consigliere comunale di Montesilvano Tocco e vice presidente del consorzio grandi alberghi ha commentato l'attuale contesto difficile che vivono hotels ed alberghi a causa delle chiusure e delle restrizioni dovute al Coronavirus. I provvedimenti, infatti, di fatto hanno stroncato la programmazione delle attività per il Natale e Capodanno per le strutture ricettive, che a Montesilvano in particolare stanno vivendo una crisi senza precedenti.

Tocco contesta la decisione di costringere gli ospiti degli alberghi a consumare la cena di fine anno in camera, una scelta senza senso se si pensa che le stesse persone la mattina del primo gennaio consumeranno nella stessa sala la colazione:

La possibilità  di poter  effettuare pacchetti per brevi  soggiorni nel pieno rispetto delle regole  è purtroppo sfumata  definitivamente, con il  divieto  di varcare i  confini delle regioni e dei comuni: questo ha in effetti il sapore di una burla.  Gli alberghi possono restare  aperti ma i clienti vengono chiusi in casa: non voglio  pensare che sia un  escamotage per risparmiare sui  ristori

Non si è capito che c’era la possibilità di  immettere un po’ di liquidità nelle casse delle aziende  alberghiere che, con il ristoro totalmente inadeguato, non sono qui in grado di reggere i costi fissi che   comunque  continuano a correre. Mi chiedo perché  in tutti i decreti economi emanati , ad esempio, non si siano mai toccati i costi fissi delle bollette elettriche, cioe’ addizionale accise, costi di trasporto sistema  ed  iva   che in una bolletta rappresentano circa  il 70%

Il consigliere sottolinea come gli imprenditori sentano il peso e la responsabilità morale verso i propri collaboratori e dipendenti che non ricevono regolamente la cassa integrazione, e sono loro la vera forza dell'attività alberghiera e devono essere tutelati in tutti i modi possibili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento