menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Documenti falsi ai clandestini in cambio di soldi: tre arresti

La Squadra Mobile di Pescara, in collaborazione con quella di Roma, ha arrestato quattro persone che procuravano ad immigrati clandestini falsi documenti per ottenere il permesso di soggiorno

La Squadra Mobile di Pescara, in collaborazione con quella di Roma, ha arrestato quattro persone che procuravano ad immigrati clandestini falsi documenti per ottenere il permesso di soggiorno.

Gli arrestati, tre laziali ed un 50enne di Montesilvano, sono accusati di falso in atto pubblico e fabbricazione e possesso di documenti falsi. L'uomo di Montesilvano, destinatario della misura di obbligo di dimora, è ancora ricercato.

Le indagini, avviate a maggio, quando presso lo Sportello per l'Immigrazione della Prefettura di Pescara, è stato convocato un pescarese che aveva inoltrato domanda di regolarizzazione di un suo dipendente egiziano. In realtà l'uomo non aveva mai inoltrato la richiesta; nel documento utilizzato per la pratica, era in effetti presente nella fotografia un'altra persona, alla quale erano stati attribuiti i suoi dati anagrafici.

Grazie alle successive indagini, si è scoperto che a gestire il traffico di documenti falsi e richieste fraudolente era M.S, consulente del lavoro romana. La donna agiva assieme a Z.G (l'uomo che aveva usato l'identità del pescarese), a F.G (intermediario con gli stranieri), e a G.P (referente pescarese della banda e firmatario di una delle false richieste).

Gli stranieri avevano pagato dai 3000 a 4000 euro per ottenere la falsa documentazione. Ora le indagini cercheranno di capire se sono state presentate altre false istanze nel resto del Paese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento