rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Cronaca Montesilvano

Agguato in strada a Montesilvano, chi voleva uccidere Carlo Pavone?

Tutte le piste sono ancora aperte per il giallo del ferimento di Carlo Pavone, l'imprenditore raggiunto da un colpo di pistola alla testa qualche giorno fa mentre era in strada

Nessuna ipotesi viene ancora scartata dai carabinieri in merito al ferimento di Carlo Pavone, l'imprenditore 42enne ferito alla testa mentre si trovava in strada a buttare la spazzatura.

Le sue condizioni restano gravi, ed attualmente è ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'Ospedale di Pescara, stretto fra l'abbraccio della moglie, dipendente delle poste, e dei due figli.

Un uomo tranquillo che non sembra avere ombre nella sua vita privata e professionale. Nessun coinvolgimento con la malavita, nessun debito da pagare e dunque il caso per i militari si fa ancora più complicato.

La pista passionale sembra essere quella più battuta, anche se l'ipotesi dello scambio di persona o del colpo sparato accidentalmente non è stata ancora scartata.

Ora verranno esaminati attentamente i tabulati telefonici per capire se l'uomo ha avuto contatti negli ultimi giorni con persone che possano avere avuto un movente per il tentato omicidio.

Fondamentale sarà capire a chi appartiene il coltellino rinvenuto nei pressi del corpo di Pavone.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguato in strada a Montesilvano, chi voleva uccidere Carlo Pavone?

IlPescara è in caricamento