rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Abruzzo, Aca e case popolari: cinque arresti, in manette Ezio Di Cristoforo

Nuova bufera giudiziaria nel settore pubblico e amministrativo abruzzese. Il Presidente dell'Aca Di Cristoforo, assieme ad altre 4 persone, è stato arrestato dalla Squadra Mobile

AGGIORNAMENTO C'è un sesto arresto nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti truccati Aca e Ater: si tratta di un tenente dell'Esercito, residente a Pescara, ancora irreperibile in quanto all'estero in vacanza. Sarebbe coinvolto nel pilotaggio degli appalti per alcune strutture nelle Marche.

Nuova bufera giudiziaria sulla "cosa pubblica" in Abruzzo.

Il Presidente dell'Aca Ezio Di Cristoforo è stato arrestato assieme ad altre quattro persone nell'ambito dell'operazione "Shining Light" condotta dal Corpo Forestale di Pescara, L'Aquila e Chieti e dalla Squadra Mobile di Pescara.

In manette anche l' amministratore unico dell'Azienda edilizia Residenziale (Ater) di Chieti, Marcello Lancia, Ernesto Marasco (dirigente dell'ATER di Chieti), Alessandro Faraone (geometra dell'ATER di Chieti) e Salvatore Tasso (geometra del settore Lavori Pubblici del comune di Montesilvano).

Perquisizioni nelle sedi della Regione e dell'Ispettorato dell'Esercito a Pescara.

L'accusa è di corruzione, concussione, turbata libertà degli incanti, falso e truffa. Sarebbero stati pilotati alcuni appalti delle aziende pubbliche in cambio di tangenti.

L'indagine è partita a seguito dell'arresto del vicesindaco di Cepagatti Leone Cesarino e di due imprenditori aquiliani riguardante degli appalti pilotati per la ricostruzione. Alcuni documenti rinvenuti dagli inquirenti hanno permesso di scoprire una vera e propria contabilità degli imprenditori con tangenti elargite a funzionari pubblici.

GLI APPALTI TRUCCATI E LE TANGENTI: I DETTAGLI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abruzzo, Aca e case popolari: cinque arresti, in manette Ezio Di Cristoforo

IlPescara è in caricamento