rotate-mobile
Attualità

Yelfry Guzman: chi è il cuoco 23enne ferito con tre colpi di pistola mentre era a lavoro

Ex pugile di origine dominicana ha scelto di lasciare lo sport per lavorare e costruire un futuro per lui e il suo bambino di due anni, Christian Fedele il titolare di Casa Ristò: "E' un bravo ragazzo e un grande lavoratore"

Yelfry Rosado Guzman ha 23 anni e ieri era andato a lavoro a Casa Rustì come faceva ogni giorno da quando il locale ha aperto nel 2019. E' lui il cuoco del ristro-bar di piazza Salotto che a lavoro ci arriva ogni giorno in autobus. Oggi Yelfry è ricoverato in rianimazione dove, dopo essere stabilizzato, è stato operato per la rimozione di quei tre proiettili che poco dopo le 14, lo hanno raggiunto al collo e il torace mentre era dietro quel bancone dove era abituato a dispensare chiacchiere e sorrisi. A sparargli sarebbe stato un 29enne di Montesilvano tornato dall'estero e fermato ed arrestato nel pomeriggio di ieri in autostrada. L'uomo era a bordo di un taxi ed è stato raggiunto dagli uomini della volante e la squadra mobile alla stazione di servizio di Metauro con indosso una pistola semiautomatica che si accerterà ora sia la stessa con cui avrebbe sparato al giovane cuoco per essere in ritardo con il servizio. 

Un passato da pugile quello di Ylefry, ragazzo di origine domenicana che ha raggiunto qualche anno fa la madre che era venuta qui per lavorare e che a Chieti vive oggi con lei, la madre, la sorella, il fratello e suo figlio: un bimbo di due anni. Nel 2018 la decisione di lasciare lo sport, che lo aveva visto anche vincere il campionato regionale welter, per dedicarsi al lavoro e costruirsi un futuro. Dopo aver lavorato in un vivaio l'arrivo a Casa Rustì dove è entrato sin dal primo giorno, come conferma il titolare Christian Fedele. “E' un bravo ragazzo di 23 anni che ogni giorno, per venire a lavoro prende due autobus”, racconta ribadendo più volte che è “un grande lavoratore” rispondendo a chi si è subito erto a giudice solo perché si parla di un ex pugile di origine straniera. Lui è in costante contatto con la madre del ragazzo e la speranza di tutti è che Yelfry superi questa ennesima e più difficile sfida che resti per lui e i suoi cari solo un bruttissimo ricordo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Yelfry Guzman: chi è il cuoco 23enne ferito con tre colpi di pistola mentre era a lavoro

IlPescara è in caricamento