rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Attualità Centro

Multe a raffica ai residenti in ztl con ticket appena scaduto, cittadino sanzionato per quasi 700 euro in pochi giorni

Sono molti i residenti della ztl in centro, che in questi giorni si sono visti recapitare multe salate per aver attraversato i varchi con il ticket scaduto da pochi giorni: "Per anni venivano concessi alcuni giorni per il rinnovo, ora tutto è cambiato senza alcun preavviso"

Fa discutere in città la raffica di multe comminate a diversi residenti della ztl in centro, che avevano i ticket annuali scaduti da pochi giorni ma che si sono visti recapitare in alcuni casi multe per centinaia di euro. La questione è stata trattata oggi 24 novembre durante la seduta della commissione mobilità in Comune, per capire se si tratta di multe legittime e soprattutto comprendere le cause di questo problema, considerando che per anni non c'era stata alcuna situazione simile. Un problema che, come emerso in commissione, è nato dopo che nel mese di aprile il servizio di rilascio e controllo dei ticket è passato dalla gestione della polizia municipale alla Pescara Multiservice. Un passaggio burocratico che però ha creato un problema considerando che fino ad ora, la polizia municipale concedeva una certa elasticità ai residenti che per dimenticanza o impegni rinnovavano dopo qualche giorno dalla scadenza il permesso annuale.

Abbiamo contattato un residente in via Firenze che, a causa dei passaggi nella ztl con il tagliando scaduto da pochi giorni, si è visto recapitare delle multe in sequenza per circa 700 euro. Lavorando fuori Pescara, con orari particolarmente complicati, nei giorni scorsi si era scordato di rinnovare il ticket annuale per l'ingresso in ztl come residente. E nel giro di pochi giorni ha ricevuto una sanzione da circa 80 euro per ogni attraversamento giornaliero

"Il ticket costa appena 5 euro, e negli ultimi anni si poteva sempre pagare con una certa elasticità, anche dopo 5/6 giorni dalla scadenza senza ricevere alcuna contestazione. Nel mio caso era una necessità rientrando spesso molto tardi dal lavoro. Senza alcun preavviso o comunicazione via mail o via telefono che da questo momento sarebbe scattata la tolleranza zero, mi sono visto recapitare le multe. Abbiamo contattato persone in Comune che potevano darci una spiegazione e dalla polizia municipale, come emerso anche durante la seduta della commissione comunale di oggi, ci è stato risposto che le sanzioni sono legittime e quindi devono essere pagate e non possono essere annullate. So perfettamente che probabilmente, codice alla mano, è giusto che si venga sanzionati e le leggi e norme vanno rispettate, però da cittadini quali siamo dovevano avvisarci che non ci sarebbero più state concessioni di qualche giorno visto che per anni non ci sono stati problemi".

Ora, spiega il cittadino sanzionato, si è rivolto ad un avvocato anche perchè potrebbe esserci la possibilità di appellarsi ad alcune sentenze in cui si è stabilito che non possono essere comminate di seguito diverse sanzioni per la stessa infrazione, senza dare il tempo alla persona di ravvedersi per l'errore compiuto e quindi teoricamente pagare solo la prima sanzione.

"Se tutte le multe andranno pagate le pagherò, ma resta l'amarezza per la mancanza di elasticità interrotta senza alcuna comunicazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe a raffica ai residenti in ztl con ticket appena scaduto, cittadino sanzionato per quasi 700 euro in pochi giorni

IlPescara è in caricamento